Quante tasse si pagano sull’anticipo TFR e in quanto tempo arrivano i soldi

Al ricorrere di determinate causali la normativa vigente prevede la possibilità di richiedere l’anticipo TFR. Ecco quante tasse si pagano.

di , pubblicato il
TFR

Al ricorrere di determinate causali la normativa vigente prevede la possibilità di richiedere l’anticipo TFR. Quante tasse si pagano sull’anticipo trattamento di fine rapporto? In quanto tempo arrivano i soldi? Scopriamolo in questa guida di Investire Oggi.

Anticipo TFR: cos’è e quando spetta ai lavoratori subordinati?

I lavoratori subordinati del settore privato e pubblico con almeno 8 anni di anzianità contributiva possono richiedere l’anticipo TFR ovvero parte della liquidazione.

È quanto previsto dalla disciplina codicistica all’articolo 2120 del Codice Civile. La normativa recita:

Può ottenere, una sola volta nel corso del rapporto, un anticipo, non superiore al 70%, del Tfr maturato”.

Richiedere l’anticipo TFR è un diritto dei lavoratori a tempo indeterminato operanti sia con contratti pubblici sia privati. È possibile presentare l’istanza per richiedere un ammontare fino al 70% del fondo TFR maturato.

La domanda può essere fatta solo una volta e devono essere trascorsi almeno 8 anni di anzianità contributiva come lavoro dipendente.

La normativa prevede che il datore di lavora deve soddisfare annualmente almeno le richieste provenienti dal 10% degli aventi diritto e del 4% del numero totale dei dipendenti.

Anticipo TFR rimasto in azienda

I lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, che hanno scelto di lasciare il TFR nell’azienda, possono richiedere l’anticipo per:

  • acquistare la prima casa o l’abitazione principale per il lavoratore o anche per il figlio maggiorenne naturale o adottivo. La domanda di anticipo del TFR potrà essere presentata una volta sola. Per acquistare la prima casa per sé e/o per i figli è necessario documentare le spese con atto notarile,
  • sostenere le spese sanitarie per il dipendente o per il familiare a carico fiscalmente: ciò che rileva è l’onerosità dell’intervento.
    Il sostenimento delle cure o degli interventi deve essere certificato dalle ASL di competenza o strutture pubbliche. La domanda di anticipo del TFR potrà essere presentata anche in più di una occasione sia per il lavoratore sia per il familiare a carico,
  • sostenimento delle spese durante il periodo di congedo parentale,
  • sostenimento delle spese per i congedi per la formazione o per la formazione continua,
  • sostenimento delle spese per ristrutturare l’abitazione principale o prima casa sia per interventi di manutenzione ordinaria su parti comuni o condominiali.

Anticipo TFR: a quanto ammontano le tasse?

La normativa prevede che il TFR e le sue anticipazioni sono assoggettate al prelievo fiscale sulla base del meccanismo della tassazione separata.

Per calcolare l’aliquota di prelievo fiscale da applicare all’anticipo del TFR è necessario calcolare la somma lorda spettante a titolo di anticipo di TFR, dividerla per il numero di anni lavorati alla data della richiesta e moltiplicare il risultato per 12. Questa operazione consente di calcolare il reddito annuale.

Il passaggio successivo è quello di calcolare l’aliquota Irpef da applicare alla base imponibile. L’aliquota Irpef è uguale al rapporto tra l’imposta calcolata applicando al reddito annuale di riferimento l’aliquota Irpef e l’ammontare del reddito annuo.

L’anticipo è tassato con una ritenuta a titolo di imposta del 11% che viene diminuita dello 0,30% per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione a forme di previdenza complementare.

Anticipo TFR: quanto si deve attendere?

Per ottenere l’anticipo del TFR i soggetti istanti potrebbero dover attendere più di 4 mesi. La procedura per accedere al trattamento di fine rapporto prevede la presentazione della richiesta, da parte del lavoratore, all’INPS la certificazione del diritto all’anticipazione.

 

Argomenti: