Pubblicato l’Atto di indirizzo sulle politiche fiscali 2020-2022

diminuzione della pressione fiscale e di riduzione del tax gap come priorità dell’Amministrazione finanziaria.

di , pubblicato il
diminuzione della pressione fiscale e di riduzione del tax gap come priorità dell’Amministrazione finanziaria.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato l’Atto di indirizzo sulle politiche fiscali per gli anni 2020-2022. Si tratta di un documento che racchiude, appunto, le linee di indirizzo fiscale che il governo intende perseguire nei prossimi anni.

I principali obiettivi dell’Atto di indirizzo sulle politiche fiscali per gli anni 2020-2022, firmato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, e pubblicato sul sito del Ministero, possono così riassumersi:

Migliorare la governance del sistema fiscale, sostenere la crescita del Paese ed elevare la qualità dei servizi resi ai contribuenti-utenti, favorire la compliance volontaria e prevenire gli inadempimenti tributari, contrastare l’evasione e l’elusione fiscale, assicurare la legalità negli ambiti di competenza”.

 

Cogliere le opportunità del digitale

l’Atto di indirizzo ribadisce la centralità della politica di diminuzione della pressione fiscale e di riduzione del tax gap come priorità dell’Amministrazione finanziaria, per contribuire ad assicurare una maggiore equità del prelievo fiscale.

Queste finalità saranno perseguite all’interno di un più ampio quadro di riforma fiscale che migliori l’equità e l’efficienza del sistema tributario.

Bisognerà necessariamente tenere conto della grave situazione economica e sociale creatasi a seguito dell’emergenza COVID-19, ma anche, e questa volta in senso positivo, cogliere le opportunità legate all’accelerazione della trasformazione digitale verificatasi, proseguendo e rafforzando il processo di semplificazione ed efficientamento dell’attività amministrativa.

 

A tal proposito, si legga: “Pagare le tasse con l’assistente virtuale: come funziona il nuovo servizio del fisco”.

 

Infine, “l’Atto di indirizzo persegue ulteriori obiettivi di finanza pubblica, ponendo i presupposti per un’efficiente gestione del patrimonio immobiliare dello Stato, ed elenca le azioni dirette a valorizzare le risorse umane e tecnologiche a disposizione e quelle finalizzate a ottimizzare la funzione organizzativa e a migliorare l’efficienza dell’attività”.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,