Professione architetta: arrivano i timbri al femminile per le donne

Professione architetta: le progettiste donna possono richiedere il timbro al femminile

di , pubblicato il
Professione architetta: le progettiste donna possono richiedere il timbro al femminile

 Ad alcuni può sembrare solo una questione terminologica ma poter dire “di professione sono architetta” per molte libere professioniste operanti nel settore è un modo come un altro per affermare la pari dignità di genere nel lavoro e uscire dall’ombra dei colleghi maschi a partire dalle etichette.

In alcune professioni questo distacco è già avvenuto, pensiamo ad esempio alla “psicologa”, alla “dottoressa” o alla “professoressa”. Ma ci sono alcuni ambiti, forse considerati più “maschili” in cui invece la definizione al femminile non esiste o è talmente poco usata da sembrare bislacca.

Le cose però per le aspiranti architette sono cambiate: a Bergamo, grazie ad una delibera approvata dal consiglio dell’Ordine degli Architetti, è possibile finalmente richiedere il timbro professionale con la dicitura di “architetta“, al femminile. La prima a farne richiesta era stata l’architetta Silvia Vitali, sostenuta in questa battaglia di genere dalle colleghe Francesca Perani e Mariacristina Brembilla. L’Accademia della Crusca aveva già riconosciuto la correttezza dell’uso del genere femminile per le professioni, ora arriva anche la disponibilità dei timbri professionali a confermare questa interpretazione.

Vi suona strano? Presto vi ci abituerete, come ad esempio state probabilmente già facendo con alcuni termini della carriera nella PA, da assessora a sindaca.

Si tratta, è intuitivo, anche di una provocazione ma la richiesta vuole essere un incentivo per le giovani che, per retaggi culturali ancora non del tutto superati, considerano alcune professioni ad appannaggio degli uomini.

Argomenti: ,