Prima casa

Il concetto di prima casa va tenuto distinto da quello di abitazione principale anche se, in alcuni casi, possono coincidere. Le agevolazioni prima casa sono concesse a chi, al momento dell’atto di acquisto, non è proprietario di altri immobili. Sono escluse comunque le abitazioni di lusso. Bisogna inoltre avere la residenza nel Comune in cui è ubicato l’immobile oppure essere disponibile a trasferirla entro 18 mesi.

Nel linguaggio comune si parla spesso di “prima casa” e di “abitazione principale” in maniera indistinta e confusa. A livello giuridico e fiscale invece le due espressioni vanno tenute invece ben distinte perché possono presentare elementi identificativi diversi, anche se non di rado coincidono. E’ bene quindi sapere che cosa intende la legge per “prima casa” e per “abitazione principale”.

Quando si parla di prima casa: requisiti

Per avere diritto alle agevolazioni prima casa sono necessari alcuni requisiti soggettivi e oggettivi:

  • immobile sia di tipo residenziale e non di lusso;
  • il soggetto beneficiario non deve essere proprietario di altri immobili nello stesso Comune o anche in altri se hanno usufruito dei benefici fiscali di prima casa (salvo i casi di inidoneità);
  • residenza nel Comune di ubicazione dell’immobile (o disponibilità a trasferirla entro 18 mesi);

Differenze tra prima casa e abitazione principale

L’abitazione principale è invece molto più semplicemente quella in cui si risiede. Il fatto che, per le agevolazioni prima casa, la legge richieda, tra le altre cose, la residenza nel Comune e non anche necessariamente all’indirizzo dell’immobile stesso, rende bene l’idea della diversità dei due concetti.

Acquisto prima casa: tassazione e agevolazioni

Ma quali tasse si pagano sulla prima casa? L’ IVA è dovuta nella misura del al 4% invece che al 10 %.
L’ imposta di registro, quando dovuta, sconta l’aliquota del 3% (ridotta al 2% dal 2014).
Le imposte ipotecaria e catastale  sono invece dovute in misura fissa  anche per la prima casa. Per ogni categoria è ammessa l’estensione delle agevolazioni anche ad una pertinenza che costituisca unità immobiliare autonoma.

Mutuo prima casa: le agevolazioni

I mutui prima casa sono generalmente i più vantaggiosi. Da fine 2014 è anche possibile chiedere l’accesso al Fondo di garanzia per i mutui per la prima casa, istituito dalla Legge di Stabilità 2014, che prevede la garanzia dello Stato fino al 50% della quota capitale del mutuo per l’acquisto di un immobile non di lusso adibito a prima casa. L’importo massimo del mutuo in questo caso è fissato a 250 mila euro.

1

Agevolazione prima casa in presenza di usucapione

Gli immobili trasferiti con sentenza di usucapione, se destinati a prima abitazione, usufruiscono dell’agevolazione “prima casa”, ma limitatamente per l’imposta di registro

Leggi di Redazione InvestireOggi
2

Acquisto prima casa: le agevolazioni per le giovani coppie

Mutuo acquisto prima casa per i giovani garantito da un apposito Fondo. Tutto sulla misura che rientra nel complesso delle agevolazioni per l’acquisto prima casa

Leggi di Redazione InvestireOggi
3

Agevolazione prima casa: i requisiti di accesso e i casi di decadenza

Agevolazione acquisto della prima casa. In cosa consiste, chi può goderne e quando si perde il bonus per l'acquisto della prima casa

Leggi di Redazione InvestireOggi
4

Agevolazioni prima casa anche in caso di successione

Agevolazioni prima casa anche in caso di immobile ricevuto in successione

Leggi di Redazione InvestireOggi
5

Agevolazioni prima casa, spettano anche al cittadino emigrato all’estero

Agevolazioni prima casa spettanti al cittadino italiano emigrato all’estero che non ha più la residenza in Italia

Leggi di Redazione InvestireOggi
6

Agevolazione prima casa: si perde senza il trasferimento della residenza

Agevolazione prima casa decade se il contribuente non trasferisce la residenza nel comune ove si trova l’immobile entro 18 mesi dall’acquisto. Orientamento confermato dalla Cassazione

Leggi di Redazione InvestireOggi
7

Agevolazione prima casa anche per chi non ha un lavoro fisso

Agevolazione prima casa fruibile anche da chi ha un contratto di lavoro a tempo determinato. Lo precisa Vieri Ceriani in un question time

Leggi di Redazione InvestireOggi
8

Agevolazione prima casa: nel rogito va indicato dove lavora il contribuente

Fruibile l'agevolazione prima casa dal contribuente che non ha preso residenza nello stesso comune dove si trova l'immobile, ma sempre che dichiari nel rogito che lavora nello stesso comune. Precisa così la Cassazione con l'ordinanza del 4 dicembre scorso

Leggi di Redazione InvestireOggi
9

Agevolazione prima casa e vendita dell'immobile

Nessuna sanzione se il soggetto rivende l'imobile acquistato con l'agevolazione prima casa e non procede ad un nuovo acquisto. Lo chiarisce l'Agenzia delle entrate

Leggi di Redazione InvestireOggi
10

Acquisto casa: dalle agevolazioni prima casa al rent to buy

Per l'acquisto di casa, agli italiani servono 5,8 anni di stipendio ma il Fisco li aiuta con l'agevolazione prima casa e il nuovo rent to buy

Leggi di Redazione InvestireOggi
11

Acquisto prima casa: condizioni, requisiti, vincolo 5 anni

Dai requisiti, alle condizioni, al vincolo dei 5 anni e ai recenti chiarimenti dell'Agenzia delle entrate (risoluzione n.49/E) sul bonus acquisto prima casa

Leggi di Redazione InvestireOggi
12

Agevolazione prima casa per coniugi separati o divorziati

Come funziona in materia fiscale l'agevolazione per l'acquisto della prima casa qualora i coniugi si separino o divorzino?

Leggi di Patrizia Del Pidio
13

Agevolazioni prima casa: gli sconti sull’acquisto di cantine e garage

Quando le agevolazioni per la prima casa si estendono anche all’acquisto di cantine e garage? Regole per le pertinenze

Leggi di Alessandra De Angelis