Prelievi bancomat ad agosto bloccati: ecco le date a rischio

Problema al bancomat: rischio ritiro contanti 1 e 2 agosto a causa di uno sciopero nazionale

di , pubblicato il
truffa-bancomat

Pronti a partire per le vacanze? Attenzione perché nei prossimi giorni potrebbero esserci alcuni problemi a prelevare contanti dal bancomat. Gli ATM potrebbe risultare bloccati in tutta Italia a causa di uno sciopero nazionale in calendario per giovedì 1 e venerdì 2 agosto. Cerchiamo di vedere più da vicino le motivazioni dello sciopero per poi approfondire i possibili effetti sui clienti delle banche e i pensionati.

Sciopero portavalori: bloccati i ritiri al bancomat ad inizio agosto?

Alla base della mobilitazione indetta dalle sigle sindacali di categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs c’è la richiesta di rinnovo del contratto nazionale degli addetti ai portavalori, fermo al 2015, e di miglioramento di alcune condizioni previste (salario, bilateralità, condizioni di sicurezza e di salute,  cambio appalto e contrattazione di secondo livello).

Ad inizio luglio erano iniziati a circolare i primi rumors sulla possibilità di sciopero dei portavalori ma solo da poche ore è giunta l’ufficialità della notizia. Alcune banche, come ad esempio Intesa San Paolo, hanno già comunicato ai propri clienti il rischio che lo sciopero abbia ripercussioni sulla possibilità di ritiro contante all’ATM. A rischio sarebbe soprattutto l’erogazione della pensione visto che lo sciopero cade nei giorni del pagamento pensioni di agosto. Non significa, ovviamente, che la pensione di agosto non sarà regolarmente accreditata sul conto secondo i tempi ma che, fintanto che durerà lo sciopero, il titolare potrebbe essere impossibilitato al ritiro della stessa. E’ vero che sono solamente due giorni ma, come abbiamo visto quando diamo informazioni circa il primo giorno bancabile del mese, questo slittamento nel ritiro pensione potrebbe mettere in difficoltà chi non ha risparmi da parte e conta sull’accredito mensile per le spese.

Per via dello sciopero potrebbero risultare più complicati anche i trasferimenti di denaro dei correntisti che operano tramite bancomat o carte di credito in aree in cui i pagamenti tendono già ad essere meno agevoli.

Se nelle prossime ore dovessero esserci novità sullo sciopero aggiorneremo l’articolo.

 

 

 

Argomenti: ,