Porta un bonus 5 mila euro a chi assume: ecco come

Chi intende ricollocarsi nel mondo del lavoro può contare sul bonus 5 mila euro coordinato dall’ANPAL

di , pubblicato il
Porta un bonus di 5 mila euro a chi assume: ecco come

Tra gli strumenti messi in campo per la ricollocazione nel mondo del lavoro si inserisce il bonus 5 mila euro ossia l’ADR (Assegno di ricollocazione).

Si tratta di una misura coordinata dall’ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro) e che si concretizza un importo da utilizzare presso i soggetti che forniscono servizi di assistenza personalizzata per la ricerca di occupazione (centri per l’impiego o enti accreditati ai servizi per il lavoro).

Bonus 5 mila euro: come funzione

La persona che intende beneficiare del bonus 5 mila euro, sceglie l’ente da cui farsi aiutare, consultando l’albo nazionale dei soggetti accreditati (si tratta dei centri per l’impiego o enti accreditati ai servizi per il lavoro).

Alla persona in cerca di ricollocazione è assegnato un tutor il cui compito è quello di sostenerla nella ricerca del nuovo lavoro e promuoverne il profilo professionale presso i potenziali datori di lavoro (aziende).

Laddove la persona dovesse essere assunta, l’importo dell’ADR è riconosciuto all’ente stesso.

Assegno di ricollocazione, bonus 5 mila euro: come richiederlo

Come appena detto se il soggetto seguito è assunto da qualche azienda, l’ente riceverà il contributo ADR, il cui importo dipenderà dalla tipologia di contratto stipulato tra l’azienda stessa e la persona ricollocata. In dettaglio l’importo del bonus è da:

  • 1.000 euro a 5.000 euro, se trattasi di contratto a tempo indeterminato (incluso l’apprendistato)
  • 500 euro a 2.500 euro, in caso di contratto a termine di 6 mesi e oltre
  • 250 euro a 1.250 euro, se trattasi di contratto da 3 a 6 mesi (3 mesi per Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia).

Il bonus 5.000 euro (ADR) deve esser richiesto telematicamente attraverso il sito internet di ANPAL o presso i centri per l’impego o entri di patronato convenzionati.

Inoltre attraverso tali canali occorre inviare anche la DID (Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro).

il bonus è previsto anche per i lavoratori in Cassa integrazione straordinaria (Cigs) purché i loro profili e ambiti siano previsti dall’Accordo di ricollocazione sottoscritto dalla loro azienda e dalle organizzazioni sindacali. Il lavoratore in Cigs ha tempo 30 giorni dalla firma dell’accordo di ricollocazione per prenotare l’ADR nell’area riservata MyANPAL.

Ammessi al beneficio sono anche i percettori del Reddito di cittadinanza chiamato a sottoscrivere un patto per il lavoro.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,