Permessi retributi legge 104: guida alle agevolazioni per disbaili

Ecco la mini guida sui permessi retribuiti ex Legge 104 per soggetti affetti da disabilità

di , pubblicato il
Ecco la mini guida sui permessi retribuiti ex Legge 104 per soggetti affetti da disabilità

I permessi retribuiti ex legge 104/1992 sono dei permessi e periodi di congedo straordinario retribuiti concessi, a determinate condizioni, ai lavoratori dipendenti con disabilità e ai lavoratori dipendenti che prestano assistenza ai loro familiari con disabilità grave. Ecco la mini guida con i requisiti per chiedere i permessi legge 104, a chi, le condizioni e la domanda.

Permessi legge 1104: soggetti beneficiari

I permessi retribuiti spettano ai lavoratori dipendenti che siano:

  • disabili in situazione di gravità;
  • genitori, anche adottivi o affidatari, di figli disabili in situazione di gravità;
  • coniuge, parenti o affini entro il 2° grado di familiari disabili in situazione di gravità.

Il diritto può essere esteso ai parenti e agli affini di terzo grado soltanto qualora i genitori o il coniuge della persona con disabilità grave abbiano compiuto i sessantacinque anni di età oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti

 Permessi retribuiti 104: cosa spetta

Per i lavoratori disabili in situazione di gravità si può beneficiare alternativamente di:

  •  1 ora o 2 ore a seconda dell’orario di lavoro di riposi orari giornalieri
  • 3 giorni di permesso al mese

Per i genitori che assistono figli, anche adottivi o affidatari, che siano disabili in situazione di gravità o anche il coniuge o altri parenti e affini entro il 2° grado di persone in situazione di disabilità grave possono fruire di questi permessi retribuiti: Per figli disabili in situazione di gravità con età inferiore ai tre anni:

  • prolungamento del congedo parentale, fino all’ottavo anno di età del bambino, a titolo di congedo parentale ordinario e di prolungamento del congedo parentale non possono superare in totale i tre anni;
  • riposi orari giornalieri di 1 ora o 2 ore a seconda dell’orario di lavoro;
  • tre giorni di permesso mensile (frazionabili in ore), sia nel caso in cui l’altro genitore non lavori, sia nel caso in cui siano presenti altri familiari, anche lavoratori, che possono prestare assistenza.

Per figli disabili in situazione di gravità di età  compresa tra tre e otto anni i permessi legge 104 consistono nel:

  • prolungamento del congedo parentale; i giorni fruiti, fino all’ottavo anno di età del bambino, a titolo di congedo parentale ordinario e di prolungamento del congedo parentale non possono superare in totale i tre anni;
  • tre giorni di permesso mensile (frazionabili in ore), sia nel caso in cui l’altro genitore  non lavori, sia nel caso in cui siano presenti altri familiari, anche lavoratori, che possono prestare assistenza.

Per figli disabili in situazione di gravità, nonché il    coniuge, i parenti e gli affini entro il 2° grado di persone in situazione di disabilità grave, si può fruire di tre giorni di permesso mensile (frazionabili in ore). Per poter fruire di tali permessi occorre comunque:

  •  essere lavoratori dipendenti (anche se con rapporto di lavoro part time) e assicurati per le prestazioni economiche di maternità presso l’Inps;
  •  la persona che chiede o per la quale si chiedono i permessi sia in situazione di disabilità grave ai sensi dell’art. 3 comma 3 della legge 104/92 riconosciuta dall’apposita Commissione Medica Integrata (art. 4, comma 1 L. 104/92);
  •  mancanza di ricovero a tempo pieno della persona in situazione di disabilità grave.

 

Permessi legge 104: retribuzione

I permessi legge 104 sono retribuiti nelle seguenti misure

  • permessi a giorni o a ore: retribuzione piena permessi  a ore: retribuzione piena
  • permessi concessi a titolo di prolungamento del congedo parentale fino all’8° anno di vita del bambino: retribuzione al 30% di quella effettivamente corrisposta o convenzionale se appartenenti a categorie di lavoratori che hanno diritto all’indennità per congedo parentale sulla base di retribuzioni convenzionali.

Domanda permessi retribuiti legge 104

La presentazione delle domande dei permessi retribuiti deve essere effettuata in modalità telematica attraverso uno dei seguenti tre canali:

  •  web: tramite i servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto – servizio di “Invio OnLine di Domande di Prestazioni a Sostegno del Reddito”;
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;
  • Contact Center Multicanale – attraverso il numero 803164 gratuito riservato all’utenza che chiama da telefono fisso e il numero 06164164 con tariffazione a carico dell’utenza chiamante abilitato a ricevere esclusivamente chiamate da telefoni cellulari.

  Potrebbe interessarti anche: Legge 104 acquisto auto per disabili, la mini guida sulle agevolazioni fiscali

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: