Permessi non goduti: vanno pagati entro il 30 giugno

I permessi non goduti devono essere pagati al lavoratori entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di maturazione.

di , pubblicato il
I permessi non goduti devono essere pagati al lavoratori entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di maturazione.

La normativa che regola permessi e ferie è molto differente. Mentre le ferie non godute non possono essere monetizzate i permessi non goduti devono essere pagati dal datore di lavoro entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello della maturazione.

I permessi quando non sono utilizzati retribuiti in base alla retribuzione del livello entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di scadenza.

Permessi non goduti, quando scadono?

I permessi (o ROL) devono essere utilizzati entro l’anno in cui sono maturati altrimenti decadono. I permessi non goduti, però possono essere utilizzati fino al 30 giugno dell’anno successivo a quello di maturazione e se non vengono utilizzati entro tale data devono essere monetizzati dal datore di lavoro.

I permessi, a differenza delle ferie che possono essere assegnate dal datore di lavoro in base alle esigenze dell’azienda, i permessi sono richiesti in base alle necessità personali del lavoratore e non sempre, quindi, sono concordate con il datore di lavoro.

Argomenti: , ,