Pensioni: seconda scadenza per Ape Sociale, cosa c’è da sapere

Si avvicina la data di scadenza per le domande di Ape Sociale. Entro quando presentare l’istanza al Inps, requisiti da possedere.

di , pubblicato il
Ape Sociale

Il prossimo 15 luglio scade la seconda finestra temporale per presentare domanda Ape Sociale. Il pensionamento anticipato è riservato a coloro che presentano particolari requisiti previsti dalla legge n. 232 del 2016.

Con una nota l’Inps ricorda che l’opzione Ape Sociale è stata prorogata dallo Stato fino a fine anno e ci sarà una terza e ultima finestra d’uscita il prossimo 30 novembre. Ma non è escluso che dal 2022 possa diventare strutturale. Pertanto chi ha i requisiti per ottenere la pensione anticipata è bene che si affretti.

Ape Sociale, i requisiti

Ma quali sono i requisiti da possedere per accedere ad Ape Sociale? Nel dettaglio, possono ottenere il pensionamento anticipato solo i lavoratori iscritti alle varie gestioni Inps, che abbiano raggiunto i 63 anni di età e avere almeno 30 anni di contributi.

Ma non basta. Bisogna aver cessato il lavoro, essere residenti in Italia e trovarsi in una delle seguenti 4 condizioni:

  • essere in stato di disoccupazione;
  • assistere da almeno 6 mesi il coniuge, la persona con cui è contratta l’unione civile o un parente di primo grado convivente (genitori o figli) con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3 comma 3 legge 104/1992;
  • essere riconosciuto invalido dalle commissioni di invalidità civile almeno al 74%;
  • avere almeno 36 anni di contributi e svolgere alla data della domanda da almeno 6 anni in via continuativa una o più delle attività gravose elencate dalla legge.

Per quanto riguarda le donne, è prevista una riduzione dei requisiti contributivi richiesti per l’accesso all’Ape Sociale, pari a 12 mesi per ciascun figlio.

La domanda

L’istanza di Ape Sociale deve essere presentata all’Inps per via telematica entro il 15 luglio 2021. L’Istituto verifica quindi la sussistenza dei requisiti e informa l’interessato del riconoscimento dei requisiti e la prima data utile di decorrenza della pensione.

Si tratta di una prima fase di ricognizione e verifica. Qualora non ci fossero risorse sufficienti (il fondo per Ape Sociale è limitato), l’Inps comunicherà all’interessato il differimento del pagamento della prestazione e la data di decorrenza.

Solo in un secondo momento, il beneficiario sarà chiamato a presentare domanda di pensione seguendo le istruzioni fornite dall’Inps.

Argomenti: ,