Pensioni, quota 100 in attesa del decreto: Ape Social e opzione donna scadute

Pensioni rischio ingorgo di inizio 2019: quota 100 in attesa del decreto. Intanto Ape Social e opzione donna sono scadute: che fine ha fatto la proroga?

di , pubblicato il
Pensioni rischio ingorgo di inizio 2019: quota 100 in attesa del decreto. Intanto Ape Social e opzione donna sono scadute: che fine ha fatto la proroga?

L’atteso gennaio 2019 è arrivato ma chi sperava di avere grosse conferme e importanti rassicurazioni sulla riforma pensioni deve ancora aspettare. Il decreto su quota 100 è previsto per metà mese. Ma nel frattempo sono ufficialmente scaduti i termini per fare domanda ape social e opzione donna.

Pensione anticipata 2019: servono 5 mesi in più?

Ad oggi quindi come può andare in pensione a 62 anni con 38 di contributi? A complicare il quadro l’aumento dei requisiti per la pensione anticipata: sono richiesti 5 mesi in più.

Se quindi, fino al 31 dicembre erano sufficienti 42 anni e 10 mesi di contributi (un anno in meno per le donne), indipendentemente dall’età, da ieri, invece è già scattato l’adeguamento. E questo vale sia per la pensione di vecchiaia, per la quale ora servono 67 anni d’età (e 20 di contributi) e non più 66 anni e 7 mesi come fino al 31 dicembre 2018, sia appunto la pensione anticipata, per la quale ora sono richiesti 43 anni e 3 mesi (un anno in meno per le donne). La bozza del decreto infatti, per scongiurare l’aumento dei 5 mesi per la pensione, prevedeva un’approvazione entro fine anno. Così non è stato quindi nel frattempo l’aumento dei requisiti che si voleva scongiurare è scattato. Analoga situazione di imbarazzo per i lavoratori precoci, ai quali da ieri serve la quota 41 anni e 5 mesi per andare in pensione anticipata sebbene fosse intenzione del governo bloccare l’aumento dei requisiti.

Ape Social e Opzione Donna, proroga 2019: non c’è più tempo?

E veniamo così ad altre due misure per le quali negli ultimi aggiornamenti era stato prevista la proroga. Stiamo parlando di Ape Social e Opzione Donna. Entrambe le misure di pensione anticipata a 63 anni sono ufficialmente scadute il 31 dicembre 2018. L’unico modo per mantenere la promessa di proroga quindi è quella di reintrodurle ex novo.

Quota 100 2019: quali tempi?

Ma gli occhi continuano ad essere puntati soprattutto sul fulcro della riforma pensioni 2019: la quota 100.

Si teme un ingorgo. È vero infatti che il decreto dovrebbe stabilire che per tutti coloro che hanno raggiunto i requisiti  entro il 31 dicembre 2018 la pensione decorrerà dal primo aprile, ma c’è il rischio concreto che i primi assegni saranno erogati più tardi (con il riconoscimento degli arretrati) visti i tempi tecnici di emissione delle relative circolari Inps.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,