Pensioni, le novità del 2017: trattenuta sull’assegno e giorno utile di pagamento

Pensioni, le novità del 2017: 'Inps ha cambiato il calendario dei pagamenti e sull'assegno di febbraio ci sarà la trattenuta.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Pensioni, le novità del 2017: 'Inps ha cambiato il calendario dei pagamenti e sull'assegno di febbraio ci sarà la trattenuta.

I pensionati nel 2017 non avranno un anno facile. L’Inps ha cambiato il calendario dei pagamenti, le pensioni non saranno pagate il primo giorno bancabile ma il primo giorno utile del mese (decreto legge del 21 maggio 2015), inoltre a febbraio scatta la trattenuta sull’assegno.

Pensioni: trattenuta sull’assegno a febbraio

Da febbraio tutti i titolari di un assegno previdenziale fino a 1.450 euro lordi, dovranno restituire una quota della rivalutazione del 2015. La differenza negativa verificatasi per effetto dell’adeguamento dell’inflazione riconosciuto ai pensionati è stato nel 2015 dello 0,3%, mentre a consuntivo è risultato che i prezzi sono aumentati solo dello 0,2%. Quindi i pensionati si trovano a dover restituire lo scarto del’0,1%.

Quanto sarà trattenuto sulle pensioni?

L’Inps bloccherà lo 0,1% della pensione annua. L’importo da restituire, non è un importo elevato, ma in questi tempi dove tutto ha un valore, anche una somma esigua fa la differenza. Le pensioni avranno al minimo la perdita è di euro 6,50 all’anno e di 13 euro per una pensione da 1.000 euro.

Pensioni: la richiesta del sindacato

La comunicazione dell’Inps che procederà con la trattenuta nel 2017, ha scatenato le reazione dei sindacati.
Il sindacato dei lavoratori Spi-Cgil chiede al ministro del Lavoro Giuliano Poletti di “di intervenire urgentemente per evitare che si penalizzino ancora una volta milioni di pensionati italiani”.

Pensioni: sull’assegno di febbraio bisognerà restituire la quota di rivalutazione ricevuta nel 2015?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News pensioni, Riforma pensioni

I commenti sono chiusi.