Pensioni: Fornero, quota 100 verso l’abolizione?

L’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero spinge per l’abolizione di quota 100. Il governo Conte frena: “qualche risultato positivo è arrivato dalla riforma”.

di , pubblicato il
L’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero spinge per l’abolizione di quota 100. Il governo Conte frena: “qualche risultato positivo è arrivato dalla riforma”.

Quota 100 non funziona. La riforma pensionistica fortemente voluta dal governo Conte, sostenuto da M5S-Lega, che introduce la possibilità per i lavoratori che hanno maturato 62 anni di età e versato almeno 38 anni di contributi, non ha dato i risultati sperati e non ha incentivato il turnover con la creazione di nuovi posti di lavoro.

A sostenerlo con forza è l’ex Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero, tornata di scena con la costituzione del neonato governo Conte targato PD-M5S. Secondo la Fornero, alla quale fa eco il Fondo Monetario Internazionale nelle sue frequenti dichiarazioni sul tema, la riforma pensionistica “quota 100” è iniqua, costosa e insufficiente. All’atto pratico, non sembra aver prodotto i risultati sperati deprimendo sia la crescita economica del Paese sia il tasso di partecipazione al mercato del lavoro. In altre parole, non si è assistito a quel tasso di ricambio nel mondo del lavoro sul quale aveva puntato il precedente governo Conte.

Quota 100: abolirla oppure no?

Il neo Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha però precisato che quota 100 resterà in vigore fino a scadenza naturale, come previsto dal DL 4/2019. Anche perché il governo, rifacendosi ai risultati divulgati dall’Inps (175 mila prepensionamenti), ha ravvisato un risparmio di 1,5 miliardi di euro nel 2019 rispetto alle previsioni di spesa per via delle minori richieste di prepensionamento. In buona sostanza, quota 100 al momento non sembra destare preoccupazione dal punto di vista della sostenibilità dei conti pubblici e – come ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – qualche risultato è stato prodotto in termini di uscite anticipate e creazione di nuovi posti di lavoro. Dati confermati anche dal calo della disoccupazione in Italia da parte dell’Istat.

Salvini: giù le mani da quota 100

Più dura la posizione del ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini, fautore di quota 100, che avverte l’esecutivo a non modificare il DL 4/2019 contestando aspramente l’operato del governo Monti nel 2011 quando introdusse appunto il taglio delle pensioni (la cosi detta Legge Fornero). “I poteri economici forti e la grande finanza a Bruxelles chiedono l’abolizione di quota 100 in Italia perché sono preoccupati per i loro interessi finanziari nel bel Paese” – ha commentato Salvini in un’intervista televisiva – pertanto è evidente che il dibattito si sia riacceso proprio con il ritorno in scena della Fornero a difesa della sua riforma di 8 anni fa.

Argomenti: ,