Pensioni esodati: in arrivo la settima salvaguardia

Un'interrogazione parlamentare chiede al governo quali siano le intenzioni riguardo la settima salvaguardia per gli esodati.

di , pubblicato il
Un'interrogazione parlamentare chiede al governo quali siano le intenzioni riguardo la settima salvaguardia per gli esodati.

La scorsa settimana è stata depositata in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati l’interrogazione per conoscere le intenzioni del governo riguardo la settima salvaguardia in riferimento alla riforma pensioni.   L’interrogazione, depositata da Walter Rizzetto del Movimento 5 Stelle, parte con la premessa che la Riforma Fornero ha modificato i requisiti per accedere ai trattamenti pensionistici provando del diritto di accedere alla pensione migliaia di persone che avevano versato i contributi necessari per il pensionamento.   La riforma Fornero, in questo modo, ha richiesto una serie di interventi correttivi per salvaguardare i cosiddetti lavoratori esodati, coloro che non essendo riusciti ad accedere alla pensione ma prossimi al conseguimento dei requisiti, hanno perduto il lavoro.

Per riparare alle ingiustizie della riforma Fornero l’esecutivo ha adottato diversi provvedimenti di salvaguardia consentendo a molti lavoratori di accedere alla pensione con i requisiti previgenti la riforma Fornero. I sei interventi di salvaguardia già adottati hanno tutelato tutta una serie di lavoratori da quelli in mobilità a quelli che hanno versato contributi volontari.   Ma nell’interrogazione si fa presente che determinate categoria di persone sono rimaste ignorate, persone danneggiate ancora più profondamente di quelli per le quali si è proceduto alla salvaguardia.   La settima salvaguardia è indirizzata a tutta quella platea di persone che all’entrata in vigore della riforma Fornero avevano perduto il posto di lavoro (o lo hanno perso negli anni seguenti) senza riuscire ad accedere al trattamento pensionistico e senza l’attuazione della sopracitata riforma avrebbero acquisito il diritto al pensionamento tra il 2012 e il 2016.   Nell’interrogazione si sottolinea l’urgenza di individuare, attraverso un censimento dell’INPS, le categorie di persone fortemente danneggiate dalla riforma Fornero procedendo anche alla loro salvaguardia. Con l’interrogazione si chiede quali siano le intenzioni del governo nei riguardi della settima salvaguardia.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.