Pensioni donne: penalizzazioni con assegni più bassi del 30%

Divario di genere nell'erogazione delle pensioni: le donne sono più penalizzate.

di , pubblicato il
Divario di genere nell'erogazione delle pensioni: le donne sono più penalizzate.

Gli assegni previdenziali che spettano alle donne sono del 30% inferiori a quelli degli uomini: le penalizzazioni che le donne vivono nel mondo del lavoro si riflettono sulla pensione.   Gli ex lavoratori percepiscono un assegno da pensione medio di 1500 euro mentre le ex lavoratrici percepiscono poco più di 1000 euro al mese.   I dati, forniti dal Cnel evidenziano la situazione di svantaggio delle donne nel welfare italiano.   Per le donne la disoccupazione è più alta e anche se durante la crisi la tenuta dell’occupazione delle donne è più alta di quella degli uomini, le donne italiane impegnate in un rapporto di lavoro sono molto al di sotto della media Ue.   A “intralciare” le donne nella carriera i compiti che da sempre le competono: cura della prole, assistenza degli anziani ecc… Questi compiti, che continuano ad essere erogati essenzialmente dalle donne le sottraggono dal circuito lavoro-produzione e di conseguenza anche alla fruizione di un reddito più alto nel trattamento pensionistico.   Alla luce di quanto evidenziato non dovrebbe sorprendere coprire che il trattamento minimo della pensione (ovvero assegni fino a 499 euro) riguarda il 34% degli uomini e il 57% delle donne mentre il trattamento massimo (con assegni pensionistici superiori ai 3000 euro) riguarda il 3,4% degli uomini e solo lo 0,2% delle donne.   Cosa cambia nel settore pubblico? Il divario di genere nel pubblico impiego si riduce quasi a zero per quello che riguarda l’importo minimo delle pensioni percepito dal 3,2% degli uomini e dal 3% delle donne, ma nel trattamento di importo massimo si ripresenta con il 14% degli uomini e il 2,3% delle donne.

  I dati di sintesi dei trattamenti pensionistici obbligatori del 2013 sottolineano questo divario: sono beneficiari di almeno un trattamento pensionistico INPS il 54% delle donne e il 46% degli uomini. Il totale degli importi da pensione percepiti nel 2013 è andato, però, per il 55% a uomini e per il 45% a donne con un importo medio mensile di 1547 euro per gli uomini e di 1081 euro per le donne.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: