Pensioni da fame: ecco i buoni consigli per arrivare a fine mese!

Di questi tempi, con il costo della vita che aumenta, percepire una pensione molto bassa è dura. Costringe a porsi dei limiti al tenore di vita per riuscire a sopravvivere.

di , pubblicato il
Di questi tempi, con il costo della vita che aumenta, percepire una pensione molto bassa è dura. Costringe a porsi dei limiti al tenore di vita per riuscire a sopravvivere.

Di questi tempi, con il costo della vita che aumenta, percepire una pensione molto bassa è dura. Costringe a porsi dei limiti al tenore di vita per riuscire a sopravvivere.

Oggi, con una pensione inferiore ai 1.000 euro al mese ed in assenza di altre entrate, fare sacrifici è inevitabile.

In questa guida, diamo 5 consigli per arrivare a fine mese più facilmente, scoprendo trucchi per risparmiare ottimizzando la gestione delle spese quotidiane.

Pensioni da fame: attenzione alla lista della spesa

Innanzitutto, bisogna valutare un budget per le spese primarie e per quelle secondarie con relative liste. Per le spese primarie a cui non si può di certo rinunciare, fai un calcolo di quanto spendere al mese per il cibo ed altri prodotti necessari.

Se, in genere, al supermercato si è abituati a mettere nel carrello i prodotti che mancano in casa scegliendoli in base alla marca o al gusto personale, per risparmiare è bene ottimizzare i costi e farsi due conti prima di arrivare alla cassa.

Limita il consumo di luce e gas

Nel budget delle spese primarie rientrano le utenze, le bollette di luce e gas. Puoi ottimizzare i consumi stando attento agli sprechi oppure valutando il cambio di gestore, scegliendone uno che permetta di organizzare le bollette in fasce orarie.

Gestisci il budget delle spese secondarie

Passiamo al budget per le spese secondarie come elettronica, svago, cultura, ristoranti, ecc. Fai una lista e prova questa strategia: inizia a spendere il budget previsto solo da metà mese in poi. In questo modo, avrai la possibilità (e il tempo) di coprire eventuali spese impreviste. Se succede, dovrai rinunciare alle spese secondarie rimaste in stand by.

Taglia le spese superflue

Anche non considerando imprevisti e spese straordinarie, si potrebbero tagliare definitivamente le spese superflue, che non servono più di tanto. Spese sostenute più per abitudine che per necessità e che non sono essenziali come riviste, abbonamenti, ecc.

Metti da parte un piccolo budget per gli imprevisti

Torniamo agli imprevisti, a spese straordinarie che possono coglierti impreparato e che non puoi evitare né di pagare né di rimandare. Di tanto in tanto, metti da parte un piccolo budget, anche una somma minima che sei riuscito a risparmiare. Potrebbe tornare utile quando meno te lo aspetti oltre a stimolare al risparmio.

Argomenti: