Pensioni, arrivano i correttivi alla manovra 2018, le novità

Si elabora la manovra sulla riforma pensioni e arrivano i primi correttivi per il 2018, che includono anche l'adeguamento ai fondi pensione.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Si elabora la manovra sulla riforma pensioni e arrivano i primi correttivi per il 2018, che includono anche l'adeguamento ai fondi pensione.

Pensioni: la Commissione Bilancio del Senato ha apportato correttivi alla manovra 2018. Via libera all’emendamento recante misure previdenziali e assistenziali in riferimento ai lavoratori gravosi e incentivo alla previdenza complementare. La manovra prevede l’estensione della APE Sociale.

Pensioni: cosa cambierà nel 2018

Approvato l’emendamento proposto dal Governo recante misure previdenziali e assistenziali in favore dei lavoratori che svolgono mansioni gravose, e incentivi alla previdenza complementare.

La misura prevede l’esonero dal 2019 dell’adeguamento dell’età pensionabile alla speranza di vita, sarà esteso anche ai lavoratori che svolgono mansioni usuranti e notturni. La misura mira ad allineare la normativa per evitare disparità di trattamento tra queste categorie di lavoratori, in riferimento ai requisiti per la vecchiaia e la pensione anticipata.

La commissione di Bilancio, impegna il Governo sulle professioni sanitarie infermieristiche:

  • a specificare che gli infermieri turnisti sono quelli che ruotano sui 7 giorni e nei festivi e non necessariamente nei notturni, come peraltro gli insegnanti di scuola dell’infanzia ed educatori degli asili nido;
  • a non applicare alla categoria degli infermieri turnisti il limite dei 7 anni nei 10 precedenti il pensionamento, ma a considerarli nell’intero percorso professionale;
  • a tenere conto della gravosità della professione in relazione all’intero percorso lavorativo del professionista infermiere in ambito sanitario;
  • ad applicare la normativa prevista per il personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni anche alla categoria degli operatori socio sanitari.

Incremento della previdenza supplementare – Fondi pensione

E’ stato approvato un ulteriore emendamento in materia di previdenza complementare, che prevede la destinazione automatica ai fondi pensione negoziali territoriali. Attualmente questi fondi sono presenti in  Laborfonds in Trentino Alto Adige, Solidarietà Veneto in Veneto e Fopadiva in Valle d’Aosta.

Nel caso il lavoratore non indichi una soluzione alternativa,  dei contributi aggiuntivi saranno da destinare alla previdenza complementare.

Fondi pensione con rendimenti superiori al TFR

Rendimenti fondi pensione superiori al 2%, meglio del TFR accumulato. La conferma arriva dall’istituto di vigilanza Covip, secondo cui a fine 2016 in Italia c’erano 452 forme di pensione complementare: 36 fondi negoziali, 43 aperti, 78 piani individuali pensionistici – PIP, 294 preesistenti e FONDINPS.

E’ possibile leggere qui la notizia: Fondi Pensione rendimento superiore al 2%, meglio del TFR

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Legge di Bilancio 2018, News pensioni, Riforma pensioni