Pensione quota 41 precoci: quando se ne ha diritto?

Quali sono i requisiti necessari per accedere alla pensione anticipata quota 41 precoci?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Lavoratori precoci e lavoro usurante
Sono un dipendente della provincia di Bs, a settembre farò 41 anni di contribuzione, ho più di un anno di lavoro precoce fatto prima dei 19 anni. Vorrei sapere se ho diritto alla pensione anticipata anche se non rientro nelle categorie di lavoro usuranti o gravosi.
Grazie.

Quota 41 precoci: i requisiti di accesso

Per accedere alla quota 41 riservata ai lavoratori precoci non basta maturare i 41 anni di contributi e possedere 12 mesi di contributi versati prima di compiere i 19 anni. Ma al tempo stesso la quota 41 non è riservata soltanto ai lavoratori precoci che svolgono lavori usuranti e gravosi.
La quota 41 per lavoratori precoci, infatti, è destinata a 5 categorie di lavoratori precoci in possesso dei requisiti contributivi sopra descritti, e sono:
  • lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che assistono al momento della richiesta e da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104);
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che hanno una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%;
  • lavoratori dipendenti addetti a lavori usuranti (articolo 1, commi 1, 2 e 3, del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67);
  • lavoratori che svolgono da almeno sei anni in via continuativa una attività gravosa.

Pur non essendo un lavoratore gravoso o usurante, quindi, potrebbe accedere alla quota 41 se fosse disoccupato, invalido o se si occupasse di un familiare con handicap grave in base alla legge 104 articolo 3 comma 3.

Se non rientra in nessuna delle 5 categorie sopra indicate, però, non è possibile accedere alla pensione anticipata destinata ai lavoratori precoci. L’alternativa è quella di attendere la maturazione dei requisiti contributivi necessari per la pensione anticipata che dal 2019 dovrebbero salire a 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti quota 41 precoci, News pensioni, Pensioni anticipate, Quota 41