Pensione Quota 41, il codice Istat non rientra, ma la mansione si, cosa fare?

Pensione Quota 41 lavoratori precoci per lavoro gravoso, domanda rifiutata per codice Istat non coerente, cosa è possibile fare?

di , pubblicato il
pensione precoci

Pensione Quota 41 lavoro gravoso: Buongiorno Sig.ra Angelina, mi rivolgo a lei dopo essermi rivolto a INPS, patronati ecc., sperando che lei riesca a farmi capire alcune differenze che mi sfuggono. Sono un lavoratore dell’industria edile (sono dipendente di una grande industria edile che si occupa di costruzione di metanodotti), e mi occupo di manutenzione, assistenza e manutenzione dei macchinari speciali usati appunto dall’azienda, faccio parte della schiera dei lavoratori precoci e, pensavo essendo edile di rientrare nella categoria gravosi, ho fatto domanda ma mi è stata rigettatata in quanto il mio codice ISTAT è, a dire del ministero del lavoro, metalmeccanico. La differenza che mi sfugge è questa, siccome che un mio collega avendo la mia stessa mansione nel 2017 è riuscito ad andarci in pensione, perché’ con il codice ISTAT delle mansioni nel 2018 io non sono rientrato? Le risulta che altri lavoratori edili ma con mansioni non strettamente edili sono rientrati nella categoria? Il patronato non ha voluto far ricorso perché’ a loro dire è inutile lei sarebbe stato dello stesso parere?
La ringrazio anticipatamente nel caso in cui intendesse rispondere e Cordialmente saluto

Pensione Quota 41 lavoratori precoci

Purtroppo, molti come lei si sono visti respingere l’istanza di pensione Quota 41 lavoratori precoci che svolgono lavori gravosi. Ho risposto a molti quesiti simile al suo e mi rendo conto delle difficoltà incontrate. La prima cosa da capire, e se il suo collega che ha svolto le stesse sue mansioni, ha presentato lo stesso suo codice Istat nel modello AP 116. Cosa che non credo in quanto, l’Inps è molto rigido sul riscontro tra i vari enti.

Il mio parere

Non contesto l’operato del patronato, perché loro diversamente da me, che leggo un quesito, possono esaminare la sua pratica con tutti i particolari.

Basandomi su quello che mi ha scritto, io o le consiglio di fare ricorso, se ci sono ancora i presupposti. Allegato al ricorso, sempre secondo il mio parere, bisogna presentare una dichiarazione del datore di lavoro dove attesta le mansioni svolte inerenti alla codifica Inail richiesta per il lavoro gravoso. Anche se ci sono difformità nella codifica, il legale può dimostrare che effettivamente tale lavoro è svolto e che prima tale misura pensionistica non esisteva, e il codice ISTAT anche se non imputato correttamente alla mansione lavorativa, prima non era rilevante ai fini pensionistici. Con l’ingresso della pensione lavoratori precoci, il codice Istat è divenuto un valore fondamentale, ma difficile da correggere dopo una carriera lavorativa. Tale elemento non deve e non può penalizzare l’uscita dal lavoro per chi ha maturato 41 anni di contributi, lavorando prima dei 19 anni di età.

Pensione lavoratori precoci: codici ISTAT lavoro gravoso

Elenco di tutti i codici Istat, ritenuti validi per i lavoratori gravosi.

  • Operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici -Classificazioni Istat 6.1 – 8.4.1 – 8.4.2;
  • Conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni -Classificazioni Istat 7.4.4.2 – 7.4.4.3 – 7.4.4.4;
  • Conciatori di pelli e di pellicce – Classificazioni Istat 6.5.4.1;
    Conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante – Classificazioni Istat 7.4.1.1;
  • Conduttori di mezzi pesanti e camion – Classificazioni Istat 7.4.2.3;
  • Personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
    Addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza -Classificazioni Istat 5.4.4.3;
  • Insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido – Classificazioni Istat 2.6.4;
  • Facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati – Classificazioni Istat 8.1.3.1;
  • Personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia – Classificazioni Istat 8.1.4.1 – 8.1.4.3;
  • Operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti – Classificazioni Istat 8.1.4.5;
  • Operai dell’agricoltura, zootecnia e pesca – Classificazioni ISTAT 6.4.1 – 6.4.2 – 6.4.3 – 8.3.1 – 8.3.2;
  • Pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative – Classificazioni Istat 6.4.5.2 – 6.4.5.3;
  • Siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi tra i lavori usuranti di cui al dlgs n.
    67/2011 -Classificazioni Istat 7.1.2.1 – 7.1.2.2 – 7.1.2.3 – 7.1.3;
  • Marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed acque interne – Classificazioni Istat 7.4.5.

Leggi anche: Pensione anticipata Ape Sociale, l’esito non arriva o domanda respinta, cosa fare?

Argomenti: , , , ,