Pensione Quota 100 o Quota 41 e 42? Cosa si prospetta?

Pensione Quota 100 o Quota 41 e 42: le prospettive future.

di Angelina Tortora, pubblicato il
pensione anticipata invalidità 80 per centi

Pensione Quota 100, Quota 41 o Quota 42, il quesito di un nostro lettore:

Se io il prossimo anno compio 60 anni (marzo) e ho maturato alla fine del 2018 40 anni di versamenti quota 100 per me è fattibile o devo aspettare quota 41 /42?

La pensione quota 100 si basa su un meccanismo che prevede di andare in pensione quando la somma dell’età anagrafica e gli anni di contributi è almeno pari a 100. A questo meccanismo sono stati aggiunti dei paletti, che prevedono: età anagrafica pari a 64 anni e almeno 36 anni di contributi. Questo significa che un lavoratore, ad esempio, ha 62 anni di età e 38 anni di contributi, non ha accesso alla pensione anticipata Quota 100, perché mancante del requisito per età pari a 64 anni. Lo stesso principio vale per il requisito contributivo, se un lavoratore ha 66 anni di età e 34 anni di contributi, comunque, non potrà accedere alla Quota 100, perché non soddisfa il requisito contributivo di 36 anni.

Nel suo caso, se la Quota 100 rispetterà queste previsioni, non potrà andare in pensione con questa misura in quanto non rispetta il requisito dell’età di 64 anni.

In riferimento alla quota 41 o quota 42

Pensione anticipata Quota 41 senza vincoli, prevista nel contratto di Governo firmato da Lega e Movimento 5 Stelle, non sarà inserita nella Legge di Bilancio 2019, in quanto troppo onerosa per il Governo. Tanta la delusione dei lavoratori, che aspettavano con ansia che la nuova quota 41 entrasse in vigore dal 1° gennaio 2019. Entra in scena una nuova misura la Quota 42 che sostituirà la Quota 41 inserita nel contratto di Governo. Con la Quota 42 si potrà andare in pensione con 42 anni di contributi indipendentemente dall’età. Questa nuova misura permetterebbe di restringere gli aventi diritto, rendendola accessibile sotto l’aspetto finanziario.

Pensione anticipata indipendentemente dall’età

La pensione anticipata attualmente in vigore non sarà abolita, si potrà andare in pensione con 42 o 43 anni e tre mesi di contributi, rispettivamente per donne e uomini, sempre dal 2019, indipendentemente dall’età.

Nel programma di Governo è previsto l’abbassamento del requisito per età della pensione anticipata in 41 anni e cinque mesi, non si conosce la sua fattibilità, probabilmente slitterà nei prossimi anni. La Quota 100, invece, dovrebbe entrare nella legge di Bilancio per andare in vigore nei primi mesi del 2019.

La quota 100 mi precluderà la pensione con 42 anni di contributi nel 2019?

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti Pensione Anticipata, News pensioni, Quota 41

I commenti sono chiusi.