Pensione quota 100 non per tutti, gli esclusi e non solo

Pensione Quota 100, il decreto esclude alcune categorie di lavoratori, inoltre, ci si chiede cosa fare dopo la Naspi e se possibile il passaggio dall'Ape Sociale.

di , pubblicato il
pensione anticipata invalidità 80 per centi

La misura pensionistica quota 100 prevede i requisiti di 62 anni di età e minimo 38 anni di contributi, ma non possono accedervi tutti, ecco gli esclusi e alcuni quesiti dei nostri lettori.

Quota 100 gli esclusi

Sono un poliziotto, posso fare domanda di quota 100?

Sono esclusi dalla nuova misura pensionistica i dipendenti del comparto sicurezza, forze dell’ordine e militari. Le regole per l’uscita dal lavoro per queste categorie non sono state modificate.

Il decreto cita: “Le disposizioni dei commi 1 e 2 non si applicano altresì al personale militare delle Forze armate, soggetto alla specifica disciplina recata dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 165 e al personale delle Forze di polizia e di polizia penitenziaria, nonché al personale operativo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e al personale della Guardia di Finanza”.

Aderire dopo la Naspi

Buonasera, il 28 marzo 2019 compierò 62 anni con 41 anni e 6 mesi di contributi, sono disoccupato da due anni e percepisco la naspi che purtroppo il prossimo mese cesserà (sono passati 24 mesi da quando sono stato licenziato). Quando’ potrò fare la domanda per la pensione quota 100 e quando presumibilmente prenderò il primo assegno? Grazie.

Si attendono le disposizione Inps e le disposizione tecniche per poter inoltrare domanda, si presuppone che si potrà fare da febbraio. Per i dipendenti che maturano i requisiti dopo il 31 dicembre 2018, dovranno attendere 3 mesi dalla maturazione degli stessi. Quindi, se lei matura i requisiti a marzo, potrà accedere alla quota 100 a giugno. Questo è quanto è scritto nel decreto, consiglio di attendere le circolari INPS.

Pensione Quota 100 e Ape Sociale: ancora incertezze

Buongiorno, in relazione a quanto in oggetto, se possibile, le sarei grato di ricevere alcuni chiarimenti in base alla mia attuale situazione. Il 16 gennaio 2019 ho compiuto 66 anni, ho maturato circa 40 anni di contributi di cui 2,5 di figurativi, sono disoccupato dal 2015 e come unico reddito percepisco l’ape social da maggio dello scorso anno. Secondo la legge Fornero, e dalla certificazione INPS, andrò in pensione di vecchiaia a gennaio del 2020. Secondo i mie calcoli posso accedere alla quota 100 il prima possibile ma non mi è ben chiaro se l’importo previsto dall’INPS da gennaio 2020 subirà delle riduzioni con la domanda di quota 100. Grazie e buon lavoro.

L’Ape Sociale e la Quota 100 sono due misure diverse tra loro. Non è chiaro se chi percepisce l’Ape sociale, come nel suo caso, può aderire alla quota 100. Bisogna attendere le disposizioni tecniche attuative Inps.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,