Pensione quota 100: nell’attesa dei 3 o 6 mesi è possibile lavorare

Pensione anticipata quota 100, nell'attesa della finestra di tre o sei mesi è possibile lavorare? Cosa prevede la normativa vigente?

di , pubblicato il
quota-100-pensioni-anticipata

Ci arrivano molti quesiti sul divieto di cumulo lavoro predisposto dalla Quota 100. Analizziamo cosa è richiesto e se nella finestra di 3 o 6 mesi è possibile lavorare.

Pensione quota 100 dal 1° gennaio 2019: requisiti

La quota 100 prevede i seguenti requisiti: 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contributi. Inoltre, non prevede ne limiti ne penalizzazioni.  Il calcolo dell’assegno pensionistico viene effettuato come la pensione anticipata, ed esattamente:

  • con un’anzianità contributiva di almeno di diciotto anni al 31 dicembre 2011 con il sistema retributivo;
  • con un’anzianità contributiva almeno di diciotto anni sino al 1995 con il sistema contributivo:
  • per l’anzianità contributiva dal 1996 in poi, vige il sistema contributivo.

Dipendenti privati e pubblici: le differenze

Analizziamo le differenze tra dipendenti pubblici e privati riportate nel Dl n. 4/2019.

Dipendenti privati: potranno accedere alla pensione il 1° aprile 2019 se hanno maturato i requisiti richiesti il 31 dicembre 2018.

Tre mesi dalla maturazione dei requisiti: finestra di tre mesi dalla maturazione dei requisiti.

Dipendenti pubblici: che maturano i requisiti entro la data di entrata in vigore del decreto potranno accedere alla pensione il 1° agosto 2019. I dipendenti che maturato il giorno successivo all’entra in vigore del decreto potranno accedere trascorsi sei mesi dalla maturazione dei requisiti. Inoltre dovranno presentare la domanda di preavviso di sei mesi alle amministrazioni.

Pensione quota 100: la decorrenza delle finestre

Se si aderisce alla quota 100, il dipendente dovrebbe poter rimanere in servizio fino alla fine del mese precedente a quello di decorrenza dell’assegno pensionistico quota 100. Quindi, il periodo di attesa di  tre o sei mesi, a seconda dello status del dipendente, se pubblico o privato, sarà lavorabile

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,