Pensione Quota 100 dal 2019, quali finestre di uscita e penalizzazioni?

Pensione Quota 100 dal 2019, quali sono le finestre di uscita e quali penalizzazioni? Tutte le informazioni utili.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Cosa fare se la domanda di APE Sociale viene respinta

Pensione Quota 100, finestre di uscita e penalizzazioni, il quesito di una nostra lettrice: Sono nata ad 04/1957 e dipendo da un ente pubblico dall’ 10.1979. Ho riscattato due mesi lavorato nel 1979 da privato.
Posso andare stanza in pensione con quota 100 nel 2019?  Avrei 62 anni di età e 40 anni di contributi.
Quali sono le finestre per gli enti pubblici? Lavoro part time percependo uno stipendio di 1100 euro mensili.
Ci saranno penalizzazioni? Grazie

Finestre d’uscita: ipotesi

Per finestre di uscita, si intendono le date fisse in cui è possibile fare domanda per poter accedere alla pensione Quota 100, ricordiamo che queste sono tutte ipotesi, in quanto la misura è ancora allo studio. Le finestre individuate sono 4 per ogni anno:

  • 1 gennaio
  • 1 aprile
  • 1 luglio
  • 1 ottobre

Per i dipendenti pubblici, le finestre di uscita sono solo 2 in un anno e con un preavviso all’amministrazione di 6 mesi, per i dipendenti del comparto scuola, rimane l’unica finestra di uscita fissata al 1 settembre.

Pensione Quota 100 e penalizzazioni

Come più spesso ribadito nei nostri articoli, la pensione Quota 100 come confermato dagli esponenti del Governo, non sarà penalizzante. Sarà calcolata come una normale pensione, ed esattamente con il seguente calcolo:

  • Per chi aveva maturato almeno 18 anni di contribuzione si applica il tradizionale criterio retributivo (ora limitato all’anzianità acquisita sino al 31 dicembre del 2011), legato agli stipendi degli ultimi anni;
  • per chi aveva meno di 18 anni di contributi, il criterio utilizzato è il misto. Il calcolo viene effettuato retributivo per l’anzianità maturata sino al 1995 e contributivo per i periodi di attività successivi;
  • per i nuovi assunti dal primo gennaio 1996, si applica invece il solo criterio contributivo.

I requisiti richiesti per poter aderire sono: 62 anni di età e 38 anni di contributi. Restano ancora molte incognite sul cumulo contributivo gratuito e sui contributi figurativi. Si spera che a breve arrivino notizie certe, che ci permetteranno di fare valutazioni effettive.

Pensione anticipata, nel 2019 con una penalizzazione del 30%?

Conclusione

Lei matura il requisito di età ad aprile 2019, mentre sul requisito contributivo ha superato i 38 anni, quindi non ci sono problemi. Sicuramente, potrà fare domanda appena la misura sarà definitiva.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News pensioni, Pensioni anticipate