Pensione Quota 100 anche dopo mobilità?

Pensione Quota 100, ancora tanti i dubbi, ci si chiede se i lavoratori dopo la mobilità o disoccupati da lunga durata, entrano nella misura.

di , pubblicato il
mobilità

Pensione Quota 100, il quesito di un nostro lettore: Spett. Angelina  Tortora   buongiorno  sto da  mesi alla ricerca di una spiegazione  ho  62 anni  con 34 anni di contributi compreso 4 anni di  mobilita  finiti gennaio 2017  da allora sono rimasto senza  nessuna retribuzione  vorrei  sapere se ce una strada da intraprendere grazie. Distinti saluti attendo con ansia una risposta.

Pensione Quota 100 in alternativa l’Ape Sociale

La bozza del decreto riforma pensione, non esclude i disoccupati o chi è come lei stato in mobilità, abbiamo trattato l’argomento in quest’articolo: Riforma pensioni: Quota 100 anche per disoccupati, ecco cosa prevede il decreto.

I requisiti richiesti per la Quota 100 sono 62 anni di età anagrafica e minimo 38 anni di contributi, questi sono limiti vincolanti. In riferimento ai contributi figurativi con la mobilità, il decreto non riporta nessuna limitazione, quindi saranno considerati tutti. Lei purtroppo non può accedere in quanto non ha raggiunto il requisito contributivo, le mancano ancora 4 anni per poter accedere alla Quota 100.

Non so quando raggiungerà i 63 anni perché potrebbe accedere all’Ape Sociale che è stata prevista la proroga nella bozza del decreto, sarà accessibile dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 per tutti i lavoratori iscritti all’AGO e alle sue forme sostitutive ed esclusive nonché alla Gestione Separata. Tra le varie categorie a tutela, rientrano anche i lavoratori disoccupati che hanno perso involontariamente il posto di lavoro e hanno finito di fruire la NASPI da almeno tre mesi, e hanno un’anzianità contributiva almeno di 30 anni.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.