Pensione prima dei 60 anni: quali possibilità?

In pensione a 60 anni o anche prima: quali sono le possibilità concrete per chi non ha i requisiti anagrafici per la quota 100 e vuole smettere di lavorare?

di , pubblicato il
In pensione a 60 anni o anche prima: quali sono le possibilità concrete per chi non ha i requisiti anagrafici per la quota 100 e vuole smettere di lavorare?
La quota 100 prevede la possibilità di pensione con 62 anni e 38 di contributi. Purtroppo però non sempre è facile raggiungere tali requisiti:  le carriere discontinue possono rendere il requisito del montante contributivo come un obiettivo difficile da raggiungere. Altri lettori invece ci scrivono perché non raggiungono il requisito anagrafico e si interrogano sulle possibilità per andare in pensione prima dei 60 anni. Quante e quali sono?

In pensione prima dei 60 anni: quali alternative e possibilità

A ben vedere non sono molte le possibilità di pensione prima dei 60 anni.
Come anticipato sopra la quota 100 prevede il pensionamento a 62 anni (e con 38 di contributi).
Anche APE volontario e social hanno come requisito anagrafico 63 anni.
La quota 41, richiedendo un montante contributivo così alto, è di fatto una possibilità riservata in via esclusiva a chi ha iniziato a lavorare quando era ancora molto giovane (cd lavoratori precoci). La promessa della quota 41 per tutti al momento resta tale.
L’isopensione permette di anticipare l’uscita di 7 anni rispetto ai requisiti anagrafici della pensione di vecchiaia (quindi a 60 anni) ma, anche in questo caso, ci sono diversi paletti e condizioni per quanto riguarda ad esempio le dimensioni dell’azienda.
Ad oggi le due alternative più concrete per andare in pensione prima dei 60 anni sono RITA e Opzione Donna. Anche in questo caso, però, non mancano vincoli e paletti. La prima presuppone l’adesione ad un Fondo di Previdenza Integrativa, la seconda dovrà essere oggetto di proroga per il 2020. La seconda, in attesa di proroga, è riservata alle nate entro il 1960 (se dipendenti) o il 1959 (se autonome). Inoltre comporta l’accettazione del ricalcolo dell’assegno con sistema contributivo.
In conclusione possiamo constatare che, se il traguardo dei 67 anni richiesto dalla pensione di vecchiaia appare difficile da raggiungere e si vuole smettere di lavorare prima, bisognerà arrivare almeno a 62 anni.
Per approfondire l’argomento ti invitiamo a leggere anche:
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.