Pensione precoci quota 41 per dipendenti statali: ecco come muoversi

Come muoversi in attesa di maturare i requisiti necessari all'accesso alla quota 41 per i lavoratori precoci?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Come muoversi in attesa di maturare i requisiti necessari all'accesso alla quota 41 per i lavoratori precoci?

Buongiorno sig.a Patrizia, leggo tutte le sue risposte nel forum.

Vorrei chiederle gentilmente una sua veduta sul mio quesito pensionistico.

Sono un dipendente dello stato ata nella scuola, con tutte le ricongiunzioni e i vari decreti ho avuto risposta dall’inpdap e inps che al 31/12/2017 ho 39 anni 4 mesi e 13 giorni.

Faccio presente di avere 57 anni e mi considero un precoce in quanto essendo del 1960 dal 1974 al 1978 ho versato e riconosciuto 4 anni prima di 19 anni.

INOLTRE SONO IN INVALIDO CIVILE DAL DICEMBRE DEL 2016 CON UNA INVALIDITA’ DEL 75% E HO LA LEGGE 104/92 COMMA 1 ARTR.3.

Con questa premessa aggiungo 2 mesi di contributi per il 2017 per invalidità e arrivo a un totale di tutto a 39 anni 6 mesi e 13 giorni al 31/12/2017.

POSSO USUFRUIRE QUOTA 41?

Quando posso fare domanda di pensione? Ne ho il diritto? Come mi devo muovere?

 

La quota 41 può essere fruita dai lavoratori precoci, da quei lavoratori, quindi, che hanno versato almeno 12 mesi di contributi derivanti da lavoro effettivo prima del compimento dei 19 anni di età. I lavoratori precoci per poter fruire del beneficio devono, inoltre, appartenere ad una delle categorie bisognose di tutela quali disoccupati, caregiver, invalidi, lavoratori usuranti e lavoratori addetti alle mansioni gravose.

Detto ciò, da quello che mi scrive, lei può fruire della quota 41 poiché rientra nei lavoratori precoci e poiché con la sua invalidità rientra anche nella categoria invalidi che possono fruire del beneficio.

Per quanto riguarda la domanda di pensione sicuramente arriverà a maturare i requisiti nel corso del 2019, anno in cui i contributi necessari per il pensionamento con la quota 41 saranno 41 anni e 5 mesi. A tal riguardo dovrà, quindi, presentare domanda entro il 1 marzo del 2019 e potrà accedere al pensionamento a partire dall’ottobre 2019 poiché raggiungerà i requisiti dei 41 anni e 5 mesi nel settembre 2019 (considerando anche i 2 mesi di contributi figurativi maturati nel 2018 e non considerando quelli maturati nel corso del 2019).

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti quota 41 precoci, News pensioni, Quota 41