Pensione precoci con malattia: come comportarsi?

Come comportarsi nella pensione precoci in caso di malattia cronica?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
pensione anticipata APE

Buongiorno,

avrei una domanda da porle, io ho 57 anni ed ho 40 anni circa di contributi ho cominciato a 17 anni e in più questo anno mi è stata riconosciuta una malattia cronica rara con tanto di esenzione. Come mi devo comportare a livello pensionistico? Grazie e buona giornata.

Rientra senza dubbio nei lavoratori precoci avendo oltre 2 anni di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età e con 41 anni di contributi potrebbe accedere alla quota 41, che permette il pensionamento dei lavoratori precoci se solo rientrasse in una delle seguenti categorie tutelate: disoccupati, caregiver, invalidi, usuranti o lavoratori gravosi.

Lei mi parla di una malattia cronica grave per la quale le è stata riconosciuta un’esenzione ma non parla di una percentuale di invalidità. Senza la percentuale di invalidità pari o superiore al 74% non può rientrare in questo beneficio (il mio consiglio a questo punto sarebbe proprio quello di presentare una domanda di invalidità per vedere che percentuale le viene riconosciuta per vedere se riesce a rientrare nella quota 41 per la quale le manca, tutt’ora, 1 anno contributivo da versare).

In alternativa la possibilità di pensionamento più vicina possibile per lei è con la pensione anticipata con 43 anni e 3 mesi di contributi.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti quota 41 precoci, News pensioni, Quota 41

I commenti sono chiusi.