Pensione in Portogallo: esiste ancora l’esenzione dalle tasse?

Rispondiamo in questo articolo ad un quesito pervenuto da un pensionato italiano iscritto all’AIRE e residente in Portogallo.

di , pubblicato il
Rispondiamo in questo articolo ad un quesito pervenuto da un pensionato italiano iscritto all’AIRE e residente in Portogallo.

Come è dura la vita da pensionati in Italia! Troppe tasse, carovita e difficoltà ad arrivare in fondo al mese con l’assegno previdenziale da miseria.

Per una serie di fattori economici e non molti pensionati italiani decidono ogni anno di emigrare in altri paesi e di vivere la propria vecchiaia all’insegna della serenità e del minor numero di preoccupazioni possibili.

Pensionati italiani in Portogallo: è boom!

Negli ultimi tempi si è registrato un incremento del numero degli over 65 italiani trasferitisi in Portogallo.

Questa platea può beneficiare della detassazione della pensione, se ricorrono determinate condizioni, oltre a godere di un’assistenza sanitaria gratuita in determinate strutture ospedaliere.

Rispondiamo in questo articolo ad un quesito pervenuto da un pensionato italiano iscritto all’AIRE e residente in Portogallo:

“Buongiorno, sono un pensionato italiano di 69 anni che ha ottenuto la residenza in Portogallo. Vorrei sapere se ho pieno diritto al rimborso delle imposte pagate per la pensione che percepisco dall’INPS. Grazie per la gentile risposta”.

In altre parole, il lettore sta chiedendo se abbia diritto a godersi la propria pensione al 100% senza alcuna imposta per IRPEF.

Rispondiamo al quesito e dubbio sollevato dal pensionato.

Pensione in Portogallo: posso beneficiare dell’esenzione tasse o no?

Richiamiamo quanto stabilito dalla CTP Pescara Sentenza. n. 135/2021:

«le convenzioni contro le doppie imposizioni determinano una ripartizione della sfera impositiva degli Stati contraenti, impedendo in questo modo l’insorgenza di una doppia imposizione “anche solo potenziale”».

Secondo gli accordi bilaterali tra Italia e lo Stato portoghese, i pensionati che prendono la residenza in Portogallo hanno agevolazioni fiscali e ricevono un assegno previdenziale senza subire tassazioni per ben 10 anni.

Per diventare residenti non abituali è necessario vivere in Portogallo per almeno sei mesi e un giorno per ogni anno e avere un regolare contratto di locazione annuale.

Ad esempio, se un pensionato in Italia percepisce un assegno lordo di 51.147€ paga, tra Irpef e aliquota regionale, 16.727€ di tasse.

Pertanto, in Italia percepisce una pensione netta di 34.420€ l’anno.

E in Portogallo? L’assegno sarebbe di 51.147€, a ciò bisogna aggiungere il fatto che il costo della vita è più favorevole che nel Belpaese.

Per questo il Portogallo è uno dei posti migliori per vivere da pensionato.

Tuttavia, le agevolazioni per i pensionati potrebbero presto finire perché il Premier Antonio Costa ha annunciato che potrebbe alzare al 10% le tasse per i non residenti.

Argomenti: ,