Pensione Fondo Casalinghe: come funziona e come versare i contributi

Possono essere versati tutti in una volta i contributi destinati al fondo casalinghe o funziona il principio di cassa?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Possono essere versati tutti in una volta i contributi destinati al fondo casalinghe o funziona il principio di cassa?

Ho fatto domanda per una mia amica per fondo casalinghe ed è stata accettata. È possibile pagare in unica soluzione l’importo totale delle rate, compirà 65 anni il 14 febbraio. Grazie.

Innanzitutto cerchiamo di capire cosa è e a chi è rivolto il Fondo Casalinghe.

Fondo Casalinghe: cos’è e come funziona

Si tratta di un fondo previdenziale istituito per le persone che svolgono lavori di cura familiari non retribuiti.

Possono iscriversi al fondo di previdenza soggetti di entrambi i sessi con età compresa tra i 16 e i 65 anni che:

  • svolgono lavoro in famiglia non retribuito connesso con responsabilità familiari, senza vincoli di subordinazione;
  • non sono titolari di pensione diretta;
  • non prestano attività lavorativa dipendente o autonoma per la quale sussista l’obbligo di iscrizione ad altro ente o cassa previdenziale;
  • prestano attività lavorativa part-time se, in relazione all’orario e alla retribuzione percepita, si determina una contrazione delle settimane utili per il diritto a pensione.

Per ricevere la prestazione sono necessari, in ogni caso, almeno 5 anni di contributi (60 mesi).

Fondo casalinghe: importi e pagamenti

L’importo dei versamenti è libero ma per ogni 25,82 euro verrà accreditato un mese di contribuzione. I versamenti possono essere effettuti tramite bollettino in ogni momento dell’anno.

I 5 anni di contributi che occorrono, però, devono essere effettuati in 5 anni differenti, anche non consecutivi.

L’Inps accrediterà per ogni anno tanti mesi di contributi quanti ne risultano dividendo l’importo complessivo versato in quell’anno per 25,82 euro fino ad un massimo di 12 mesi.

Per l’intera annualità occorrono 310 euro di versamenti ma se in un anno si sono versati più di 310 euro i contributi non potranno essere utilizzati per annualità diverse scoperte, bensì serviranno soltanto ad aumentare la misura dell’assegno della pensione.

L’accantonamento, quindi, va calcolato anno per anno secondo il principio di casa: se un contribuente versa 310 euro tutti insieme a dicembre, quei contributi verranno spalmati nell’anno in corso come se avesse versato 25,82 euro al mese. L’eventuale eccedenza, invece, non potrà essere calcolata per anni successivi poiché si tratta di una annualità diversa.

Per dubbi e domande contattami: [email protected]

Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Fondo casalinghe, Contributi, Pensione casalinghe