Pensione e ferie non godute, cosa conviene fare, smaltirle o liquidarle? | La Redazione risponde

Ferie non godute, per l'accesso alla pensione, cosa conviene fare, smaltirle o liquidarle? | La Redazione risponde.

di , pubblicato il
pensione e salvaguardia

Ferie non godute e accesso alla pensione anticipata, il quesito di un nostro lettore:

Buongiorno, leggo sempre i sui articoli su investire oggi e avrei un quesito da sottoporle:

Sono un dipendente di un’azienda del settore commercio e a Gennaio 2018 andro’ in pensione avendo maturato i requisiti di pensione anticipata (42 anni e 10 mesi). Fra ferie e permessi ho ancora 32 giorni da fare e vorrei sapere se conviene farmeli pagare o usufruirne; nel senso che volevo capire quale sarebbe l’incidenza di farmeli pagare sulla futura mia pensione.

 Ringrazio anticipatamente.

Vediamo l’incidenza che hanno le ferie non godute sull’accesso al pensionamento anticipato.

Le ferie non godute al momento delle dimissioni per accedere alla pensione anticipata possono essere utili al diritto alla pensione solo se godute dal lavoratore e non quando sono soltanto retribuite.

Ad esempio, se al momento del pensionamento il lavoratore ha circa 2 mesi di ferie arretrate e non gode di tali ferie facendosele monetizzare, queste vanno ad aumentare la misura della pensione ma non i periodi di contribuzione.

Requisiti pensione anticipata

Ricordiamo che i contributi necessari per poter accedere al pensionamento anticipato, sono:

  • nel triennio 2016-2018, 42 anni e 10 mesi di contributi (per gli uomini);
  • nel biennio 2019-2020, 43 anni e 2 mesi;
  • nel biennio 2021-2022, 43 anni e 5 mesi;
  • nel biennio 2023-2024, 43 anni e 8 mesi.

Questi requisiti possono mutare per la speranza di vita effettivamente riscontrata dall’Istat differisce dagli adeguamenti automatici previsti dalla Legge Fornero.

Requisito contributivo

Nel caso in cui i requisiti richiesti per la pensione anticipata sono stati raggiunti e non vi è la necessità di computare i mesi di ferie aggiuntivi, il lavoratore può anche decidere di non goderle ma farsele retribuire.  La retribuzione dovuta sulla liquidazione delle ferie fa parte dell’imponibile previdenziale, quindi la prestazione aumenta nello stesso modo anche se le ferie non sono fruite effettivamente.

Viceversa, se i requisiti per il pensionamento si raggiungono soltanto includendo le ferie non godute, è necessario goderle prima della cessazione del rapporto perché vengano considerati ai fini del diritto alla prestazione.

Leggi anche: Ferie e permessi non goduti, si perdono? Possono essere pagati? Posso goderli? | La Redazione risponde

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,