Pensione esodati, ecco come fare richiesta

Chi, come ed entro quanto può fare richiesta di accesso alla salvaguardia concessa agli esodati

di , pubblicato il
Chi, come ed entro quanto può fare richiesta di accesso alla  salvaguardia concessa agli esodati

Pensione per gli esodati da richiedere entro il prossimo 21 maggio 2013, almeno per la categoria dei 55000.

 Si avvicina la scadenza del 21 maggio prossimo per richiedere l’accesso al beneficio di salvaguardia previsto per i lavoratori esodati. Proprio per quei lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto in ragione di accordi individuali o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all’esodo, contingente numerico questo fissato a 6.000 unità, le istanze di accesso al beneficio della salvaguardia, corredate dagli accordi che hanno dato luogo alla cessazione del rapporto di lavoro, devono essere presentate entro il 21 maggio 2013, ossia entro 120 gg.

dalla data di pubblicazione del decreto interministeriale dell’8 ottobre 2012 nella Gazzetta Ufficiale n. 17 del 21.1.2013.

A chi inoltrare la richiesta

La richiesta  va indirizzata alle Direzioni territoriali del lavoro innanzi alle quali sono stati sottoscritti gli accordi individuali, ovvero, in caso di accordi collettivi, alle  Direzioni territoriali del lavoro competenti in base alla residenza dei lavoratori cessati.

Chi esamina queste istanze

 Per l’esame di queste istanze vengono istituite specifiche Commissioni presso le competenti Direzioni territoriali del lavoro, composte da due funzionari della Direzione territoriale del lavoro, di cui uno con funzioni di Presidente, nonché da un funzionario dell’Inps, designato dal Direttore provinciale della Sede di appartenenza. Quando le commissioni in questione accolgono le richieste di accesso alla salvaguardia esodati, vengono comunicate con tempestività all’Inps, anche con modalità telematica. Contro tali provvedimenti delle Commissioni, l’interessato può sempre presentare comunque riesame entro 30 gg. dalla data di ricevimento dello stesso, innanzi alla Direzione territoriale del lavoro presso cui è stata presentata l’istanza.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: