Pensione e ricongiunzione contributi INPS – INPDAP, se non si è pagato, cosa succede?

Ricongiunzione contributi INPS - INPDAP, cosa fare se non si è pagato, cosa fare al momento della domanda pensione? | La Redazione risponde.

di , pubblicato il
pensione anticipata

Pensione e ricongiunzione contributi, il quesito di un nostro lettore:

Buonasera, cortesemente volevo chiederle, circa 22 anni fa tramite ufficio del personale, ho fatto domanda per ricongiungere i bollini pensione da Inps a Inpdap.

Come posso sapere se la cosa e stata fatta.

Non ho ricevuto nulla che mi comunicava se devo pagare oppure no.

Adesso il patronato che sta facendo domanda per la pensione non sa cosa fare se chiedere il cumulo oppure no.

Attualmente, sono un dipendente del ministero della giustizia. La ringrazio e resto in attesa di una sua risposta. Porgo cordiali saluti.

Risposta

La normativa prevede che i lavoratori che hanno contributi versati in due casse diverse, ad esempio, Inps e Inpdap, possono optare per la pensione supplementare. Ricordiamo che è possibile ottenere il riconoscimento della pensione supplementare solo se la pensione principale è erogata dall’Inps e non viceversa. È prevista un’unica eccezione per l’ente previdenziale Enpals. Leggi anche: Cumulo gratuito contributi: come e quando può essere effettuato?

Se non le è arrivata nessuna conferma dell’accettazione del provvedimento e lei non ha pagato il costo della ricongiunzione, come chiarisce l’INPS, l’operazione di ricongiunzione è annullata.

E’ possibile, comunque, chiedere direttamente all’INPS tutte le informazioni sulla ricongiunzione fatta 22 anni fa.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienze per la risposta, risponderemo a tutti“.

 

Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.