Pensione di vecchiaia: quando se ne ha diritto?

C'è un limite di reddito per la pensione di vecchiaia?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
C'è un limite di reddito per la pensione di vecchiaia?

Salve, da un po di tempo abbiamo un dubbio…mio padre percepisce una pensione di circa 900 euro…è possibile che mia madre non le spetti la pensione di vecchiaia per via del superamento reddito? Mi sorge un dubbio …è possibile che la residenza di mio fratello influisca in tutto ciò nonostante sia domiciliato in un altro paese?

 

Forse state facendo un pò di confusione.

La pensione di vecchiaia non è legata al superamento di un reddito personale o familiare ma viene erogata al raggiungimento di determinati requisiti che nel 2018 sono:

66 anni e 7 mesi di età unitamente ad almeno 20 anni di contributi versati.

La prestazione, invece, che dipende dal reddito è l’assegno sociale che di solito viene richiesto quando si versa in disagio economico e quando non si hanno contributi versati ed in quel caso il reddito personale e familiare è molto importante e limita l’erogazione della prestazione fino ad annullarla quando si superano i redditi imposti dalla legge annualmente.

Se si riferisce, quindi, alla pensione di vecchiaia deve accertarsi che sua madre sia in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi necessari per l’accesso alla pensione, se si riferisce, invece, all’assegno sociale, la pensione di suo padre di 900 euro le fa superare il limite, che nel 2018 per le persone coniugate è di poco più di 11.700 euro l’anno, quindi sua madre non rientra nell’erogazione dell’assegno sociale.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti assegno sociale, News pensioni, Pensione vecchiaia