Pensione di vecchiaia anticipata: chi può fare domanda?

Chi può accedere alla pensione di vecchiaia anticipata riservata ai lavoratori invalidi? Vediamo quali sono i requisiti richiesti.

di , pubblicato il
assegno invalidità nel pubblico impiego

Dott. ssa Del Pidio, ho 60 anni, a novembre 2018 avevo 1851 settimane di versamenti inps come dipendente privato nel 2016 a seguito di strani disturbi e dopo varie risonanze magnetiche e un datscan mi è stato diagnosticato la malattia di Parkinson che attualmente cerco di bloccare il decorso con il levodopa e terapie riabilitative. Posso fare domanda di pensione anticipata dovendo seguire anche mio figlio che è invalido al 75% e percepisce una invalidità.

Sono stato riconosciuto invalido con visita dell’Inps con l’80% con riduzione permanente dal 74%al99%, grazie dell’attenzione.

Pensione di vecchiaia anticipata

A mio avviso, avendo un’invalidità riconosciuta dell’80% può provare, al compimento dei 61 anni, a richiedere la pensione di vecchiaia anticipata riservata ai lavoratori del settore privato proprio con invalidità pari o superiore all’80%.

Per accedere a questa forma di pensione di vecchiaia anticipata i requisiti richiesti sono:

  • invalidità pensionabile dell’80% o superiore
  • almeno 20 anni di contributi
  • 61 anni di età per gli uomini e 56 anni di età per le donne

Si parla di invalidità pensionabile poiché non basta l’invalidità civile riconosciuta dalla commissione medica dell’Asl, ma bisogna sottoporsi di nuovo alla trafila burocratica per il riconoscimento dell’invalidità pensionabile. La commissione, infatti, in questo caso, dovrà valutare la percentuale di invalidità non civile ma pensionabile. La nuova visita, in ogni caso, non influenzerà l’attuale percentuale di invalidità civile riconosciuta.

Avendo, comunque, un’invalidità superiore al 74% le spetta, inoltre, il riconoscimento della maggiorazione contributiva per gli invalidi che accredita, a domanda, 2 mesi di contributi figurativi per ogni anno effettivamente lavorato in costanza di invalidità. Tale maggiorazione contributiva è valida, però, solo al diritto della pensione e non al calcolo dell’assegno pensionistico. Per maggiori informazioni può leggere: Maggiorazione contributiva invalidi: riconoscimento solo a domanda

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,