Pensione bassa: quanto si integra con la liquidazione del TFR

TFR in azienda o nel fondo pensione e quale scegliere. Una breve panoramica con le soluzioni a confronto

di , pubblicato il
TFR in azienda o nel fondo pensione e quale scegliere. Una breve panoramica con le soluzioni a confronto

L’emergenza coronavirus, probabilmente, ci renderà ancora più saggi nell’accantonamento delle risorse per la previdenza. Ad inizio carriera si può già pensare a compensare la pensione bassa. In quest’ottica potrebbe essere utile valutare come destinare il TFR.  Fino a qualche anno fa era quasi scontato averlo in azienda. Oggi le cose stanno diversamente: questa è veramente la strada più conveniente? Sempre più lavoratori optano per il versamento del TFR in un fondo pensione. Lo scopo è quello di costituire una pensione integrativa che si sommi a quella pubblica in modo da compensare importi bassi.

TFR in fondo pensione aperto o chiuso: soluzioni a confronto

La scelta si divide sostanzialmente in fondi pensione aperti o chiusi.

I primi sono creati direttamente da banche o assicurazioni, società di intermediazione o società di gestione del risparmio. Si chiamano così proprio perché, come suggerisce il nome, sono potenzialmente accessibili a tutti (non solo lavoratori dipendenti ma anche autonomi). Per chi opta per il fondo aperto la scelta è determinante perché l’offerta ne contiene diversi e non tutti hanno le stesse caratteristiche e rendimenti paragonabili.

I fondi pensione chiusi vengono detti anche di categoria (o negoziali) perché riservati ai lavoratori di uno specifico comparto. L’elenco completo è disponibile sul sito Covip. Si caratterizzano per i costi molto bassi, a fronte di rendimenti discreti. Il quid in più che porta molti lavoratori a scegliere questa tipologia, è che, oltre alla quota del tfr, includono una somma extra aggiuntiva corrisposta dal datore di lavoro e che integra la pensione senza costi per il lavoratore.

L’operazione in sostanza equivale negli effetti ad aumento di stipendio, ma con due vantaggi in più:

1) le somme aggiunte sono deducibili dal reddito;

2) si guadagnano interessi tramite la capitalizzazione composta nel fondo pensione.

Leggi anche:

Scelta del fondo pensione per il tfr: cambia qualcosa dopo il coronavirus?

 

Argomenti: , ,