Pensione aprile: ecco perché molte saranno più basse

Mancato adeguamento Istat e rimborsi primo trimestre: così l'assegno pensione di aprile 2019 viene tagliato dal governo.

di , pubblicato il
pensione

Cedolini pensione aprile più bassi: la motivazione sta nel mancato adeguamento all’indice Istat. Non si parla quindi di un vero e proprio taglio ma, più propriamente, di un non aumento dovuto alla svalutazione dei trattamenti. La misura riguarda circa 5 milioni di assegni pensionistici. Non parliamo di pensioni d’oro ma di assegni superiori a 1.522 euro lordi mensili (equivalenti a circa 1250 euro netti). Per lo Stato il mancato adeguamento si traduce in un risparmio di circa 3,6 miliardi di euro in 3 anni.

Leggi anche:

Tagli pensione fino al 2021: quanto si perde nell’assegno di aprile

Per la pensione di aprile il taglio sarà ancora più evidente perché, oltre al mancato adeguamento Istat mensile, i pensionati dovranno corrispondere l’importo percepito (a questo punto indebitamente) per i primi tre mesi del 2019.

Le persone interessate dal ricalcolo della pensione di aprile senza rivalutazione dell’assegno dovrebbero aver ricevuto nei giorni scorsi una lettera dell’Inps facente riferimento all’articolo 1, comma 260 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 e contenente il confronto in tabella tra il precedente trattamento e il conguaglio che, cita il testo, “sarà trattenuto sulle prossime rate di pensione”.

A quanto ammonta la decurtazione sulla pensione di aprile 2019?

Per la maggior parte dei pensionati il taglio sarà di pochi euro. A subire i tagli più consistenti saranno comunque le pensioni più alte.

Nell’ordine sono previste riduzioni sugli aumenti tra il 15 e il 40% per importi superiori ai 100 mila euro lordi l’anno. Non saranno toccate, come anticipato sopra, le pensioni fino a 1.500 euro lorde al mese. Anche per chi arriva ai 2.030 euro le riduzioni saranno minime perché viene riconosciuto il  97% dell’inflazione. Oltre questa soglia invece la rivalutazione scende al 77,  oltre i 4.565 euro arriviamo fino al 40%. In altre parole gli assegni più ricchi tra quelli penalizzati recupereranno meno della metà dell’aumento dei prezzi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,