Pensione anticipata quota 41 o rinnovo assegno ordinario di invalidità?

Rinnovare assegno di invalidità o fare richiesta di quota 41? Cosa conviene?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Rinnovare assegno di invalidità o fare richiesta di quota 41? Cosa conviene?

Buongiorno,

Ho più di 41 anni di contribuzione e 61 anni di età e una invalidità al 75%,  percepisco l’assegno ordinario di invalidità che scade (per la terza volta) a dicembre 2018, posso aderire alla pensione precoci? O devo chiedere il rinnovo dell’assegno? Grazie saluti.

 

Per accedere alla quota 41 dei lavoratori precoci oltre ai 41 anni di contributi maturati e all’invalidità superiore al 74% che sono requisiti fondamentali per l’accesso al beneficio, è richiesto un altro requisito per accedere alla pensione anticipata destinata ai lavoratori precoci, ovvero i 12 mesi di contributi effetti versati prima del compimento dei 19 anni di età.

Nella sua mail non specifica se possiede o meno questo requisito e nel caso non lo possedesse l’accesso alla quota 41 le sarebbe negata proprio per la mancanza di questo requisito fondamentale.

Se, invece, possiede il requisito dei 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età le consiglio di non presentare il rinnovo dell’assegno ordinario di invalidità e chiedere, invece, la pensione quota 41 precoci poiché sarebbe in possesso di tutti i requisiti necessari.

In ogni caso, prima di ogni decisione, faccia esaminare tutta la documentazione in suo possesso da un Caf, un patronato o un professionista abilitato per farsi dare un parere con carte alla mano.

Le auguro, in ogni caso, un grosso in bocca al lupo.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti quota 41 precoci, News pensioni, Quota 41