Pensione anticipata per lavori esposti ad amianto, come fare domanda

Pensione anticipata per lavori esposti ad amianto, come certificarlo e come fare domanda? Analizziamo la normativa vigente.

di , pubblicato il
Pensione benefici amianto e lavoro usurante

Pensione anticipata: Gent.ma, ho letto su Internet il forum circa la discussione sulla pensione anticipata per lavori esposti ad amianto e vorrei proporle il mio caso. Ho lavorato per 30anni ad un distributore di benzina Agip, dove ero esposto continuamente al materiale tossico (non essendone neanche a conoscenza). Nel 2006/07 quando il mio impianto è stato chiuso ( da allora sono disoccupato) e smantellato, è saltato fuori il rivestimento d amianto che ahimè ha accompagnato i miei trent’anni lavorativi.

  Ho diritto a richiedere la pensione anticipata?
Se si, posso avvalermi di un mio diritto anche se sono passati diversi anni dall’ultima volta che sono stato esposto al materiale nocivo? A chi posso rivolgermi per certificare tale presenza avendo scattato foto durante lo smantellamento e avendo conservato un piccolo campione? Ringrazio per l’attenzione e per il vostro aiuto. Grazie. Cordialità.

Abbiamo esposto le varie possibilità per i lavoratori esposti all’amianto in quest’articolo: Pensione anticipata lavoratori esposti all’amianto, isopensione, lavoro usuranti, le alternative possibili

Accertamento e certificazione di esposizione all’amianto

I lavoratori che intendono avvalersi della maggiorazione contributiva riconosciuta per l’esposizione all’amianto, devono farne richiesta presentando domanda all’Inail. L’istituto provvederà a fare delle verifiche e rilascerà autorizzazione certificata valida sia al diritto che alla misura pensionistica. L’Inps ha comunicato con il messaggio 15 febbraio 2018, n. 696,  le istruzioni per la presentazione della domanda per il riconoscimento dei benefici previsti per i lavoratori esposti all’amianto senza dovuti equipaggiamenti di protezione. AL domanda va presentata esclusivamente online entro il 2 marzo 2018, completa della documentazione attestante l’effettiva esposizione.

Prescrizione del diritto

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 10980/2015, ha chiarito che il diritto del beneficio all’esposizione all’amianto, si prescrive in dieci anni. Quindi, se il lavoratore avente diritto non ha presentato la domanda entro tale termine, non potrà più farlo trascorso i dieci anni.

Pensione e Cumulo dei benefici per esposizione all’amianto

Lart.4 del Decreto Ministeriale, chiarisce che il cumulo dei benefici dei lavoratori esposti all’amianto.

La normativa vigente, prevede che i benefici previsti per i lavoratori esposti all’amianto non possono essere cumulati con altre forme pensionistiche anticipate. Non rientra in questa categoria il lavoratore invalido, non vedente, sordomuto.

Conclusioni

Abbiamo riassunto i vari aspetti della normativa, nel suo caso, le consiglio di rivolgersi ad un avvocato del lavoro, ed esporre la documentazione in suo possesso, per capire se può accedere al beneficio per esposizione all’amianto.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,