Pensione anticipata o Quota 41 con l’abolizione della legge Fornero

Pensione anticipata o Quota 41, importanti novità nel Decreto legge 4/2019 con l'abolizione della legge Fornero, tutte le novità.

di , pubblicato il
Cosa fare se la domanda di APE Sociale viene respinta

Pensione anticipata Quota 41 per i lavoratori che hanno maturato almeno un anno prima del compimento del 19° anno di età, con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica. Ma come più volte chiarito non bastano solo i 41 anni di contributi ed essere lavoratore precoce, bisogna anche trovarsi in particolari tutele. Analizziamo il quesito di un nostro lettore sulla Quota 41.

Pensione anticipata Quota 41 per i lavoratori precoci

Scrivo per conto di mio padre, che non riesce ad andare in pensione.

Il problema fondamentale è che il datore di lavoro, non rilascia certificati per chi ha svolto per “metà vita lavorativa”, mansioni come lavoro usurante, ma, rilascia tali certificati solo per quelli che hanno effettuato questo lavoro, negli ultimi 10 anni. Ora ha presentato ricorso al giudice del lavoro, tramite un legale, ma corre il rischio (considerando le lunghe attese delle procedure della pratica) di andare in pensione regolarmente a 43 anni e 3 mesi, cioè fra 1 anno e 1/2. Faccio presente che mio padre,poteva andare in pensione, già dal sett.2018,con 41 anni di contributi, perchè lavoratore precoce (possiede 2 anni di contributi,prima di 19 anni di età) ed è tuttora al lavoro. Volevo sapere, inoltre, se esiste un sistema, che consente a mio padre di andare in pensione il prima possibile. Grazie.

Pensione anticipata con 42 e 10 mesi di contributi

Nel Decreto legge 4/2019 sono state inserite importanti novità per la pensione anticipata e il blocco dell’aspettativa di vita inserito dalla legge Fornero. La normativa detta: “A decorrere dal 1° gennaio 2019 e con riferimento ai soggetti la cui pensione è liquidata a carico dell’AGO e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonché della gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, l’accesso alla pensione anticipata è consentito se risulta maturata un’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Il trattamento pensionistico decorre trascorsi tre mesi dalla data di maturazione dei predetti requisiti“.

Quindi, indipendentemente dalla possibilità di andare in pensione con la Quota 41, vista la difficoltà ad avere il certificato lavorativo, suo padre può accedere alla pensione anticipata che prevede il requisito contributivo di 42 e 10 mesi.

Le consiglio di rivolgersi ad un patronato e fare esaminare la situazione contributiva di suo padre e valutare la pensione anticipata.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,