Pensione anticipata o Quota 100, dal 2019 cosa conviene, ci saranno penalizzazioni?

Con la nuova Riforma pensione, che prevede il blocco dell'aspettativa di vita, i 5 mesi della legge Fornero, cosa conviene nel 2019?

di Angelina Tortora, pubblicato il
Pensione al bivio

Pensione anticipata: Buonasera, sono un genitore di ragazzo disabile 100% art.3 comma3 dal luglio 2011.Ho 62 anni compiuti. Ho iniziato a lavorare a novembre 1977 (21 anni)  e fino a 31/12/2013.
Nell’anno 2014 ho usufruito di 12 mesi di cassa integrazione. 
Dal 2015 e fino ad Aprile 2019 ho usufruito ed usufruirerò di un periodo di mobilità.
Ad oggi  compreso 12 mesi di servizio militare ho maturato contributi per 2175 settimane (quota 41,82).
Desidero sapere se ho possibilità di fare richiesta di pensione anticipata come genitore caregiver o cosa posso fare considerato che ad aprile non avrò più nessun ammortizzatore sociale, (credo che non verrà più rinnovata Ape social giusto appunto quando raggiungevo i 63 anni, quota 100 di cui si discute pare ci siano paletti 64 anni, quota 41 o 41,5 la vedo sempre più lontana, che fare?).
La ringrazio anticipatamente per una sua gentile risposta.

Risposta

Purtroppo nel 2019, la nuova riforma pensione non ha previsto la figura del Caregiver. Secondo le ultime notizie la nuova misura Quota 100 sarà attiva con i seguenti requisiti: 62 anni e 38 anni di contributi, con un massimo di 2/3 anni di contributi figurativi.

Si configura una pensione a quote, con il requisito contributivo di 38 anni. Al momento questa misura non è ben definita, in quanto ancora allo studio dai tecnici al Governo.

Si parla di una Quota 100 senza penalizzazioni, ma non viene specificato il tipo di calcolo che sarà applicato se misto o contributivo.

L’ipotesi di una penalizzazione, riguarda una percentuale di 1,5% per ogni anno di anticipo fino a un massimo di 5 anni. Questa ipotesi, da come si evince dalle ultime indiscrezioni, sembrerebbe accantonata.

Nelle varie ipotesi di Quota 100, è stato considerato anche l’eventuale calcolo solo con il sistema contributivo, per diminuire il numero di lavoratori che potrebbero farne richiesta. Questa ultima ipotesi potrebbe essere molto penalizzante, in quanto verrebbe effettuato il ricalcolo contributivo dei contributi versati dal 1996 portando a un calcolo misto anche chi avrebbe diritto a un calcolo retributivo fino al 2011. Questa è un’ipotesi, che sembra il governo voglia accantonare.

Pensione anticipata

In riferimento alla pensione anticipata nel 2019 sarebbero necessari 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne, con un massimo di 5 anni di contributi figurativi.

Anche in questo caso il governo sta valutando il blocco dell’adeguamento dei 5 mesi, imposti dalla legge Fornero per l’adeguamento di vita.

Pensione anticipata a 41 anni o 41 e mezzo, a 43 e 3 mesi (42,3 per le donne), attivato già dal 2019 insieme a Quota 100. La pensione anticipata viene calcolata nel modo seguente:

  • per i contributi versati fino al 31 dicembre 2011 con il sistema retributivo, per quelli successivi con il sistema contributivo per coloro che sono in possesso di almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
  • per chi è in possesso di meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, con il sistema retributivo per i contributi versati entro quella data e con il sistema contributivo tutti gli altri.

Conclusione

Se passa il blocco dell’età pensionabile, lei potrà tranquillamente optare per la pensione anticipata che prevede un massimo di 5 anni di contributi figurativi, mentre la quota 100 ne prevede 2/3 anni, ancora non si conosce il parametro effettivo. Inoltre con la pensione anticipata, se tutto rimane invariato ai fini del calcolo, lei non subirebbe penalizzazioni. Bisogna solo attendere che la riforma pensione vada in porto, poi si potranno fare calcoli e convenienza sulle varie forme pensionistiche.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Quesiti Pensione Anticipata, News pensioni, Pensioni anticipate