Pensione anticipata con mini prestito INPS: le ultime novità

Allo studio del ministro del lavoro Giuliano Poletti l'accesso alla pensione in anticipo con il mini prestito INPS, da restituire a rate al raggiungimento dei requisiti ex legge Fornero

di , pubblicato il
Allo studio del ministro del lavoro Giuliano Poletti l'accesso alla pensione in anticipo con il mini prestito INPS, da restituire a rate al raggiungimento dei requisiti ex legge Fornero

Mini prestito sulla pensione a chi mancano 2 3 anni per accedere al trattamento previdenziale. E’ l’ipotesi rilanciata in ambito pensioni a cui starebbe lavorando il ministro del lavoro Giuliano Poletti. L’accesso alla pensione anticipata con il prestito INPS, da restituire poi a rate quando scattano i requisiti per andare in pensione secondo la riforma Fornero un capitolo aperto a cui starebbe lavorando il Ministro, ma tutto potrebbe essere rimesso in discussione se la Corte costituzionale dovesse ammettere il referendum promosso dalla Lega per abrogare la riforma pensioni Fornero.

Quindi è ancora tutto in divenire. L’ipotesi della pensione con prestito INPS era nell’aria già con l’ex ministro del lavoro, il predecessore di Poletti, Enrico Giovannini. APPROFONDISCI Pensione anticipata a 62 anni e prestito Inps, ultime ipotesi di riforma Pensione anticipata con prestito INPS, cosa farà il governo Renzi? Inps, in pensione con il mini prestito. Ecco la proposta del ministro

Riforma pensioni 2015: ecco cosa cambierà

Nel frattempo l’anno prossimo entreranno sicuro in vigore una serie di novità sulle pensione, come:

  • busta arancione: l’Inps sta sperimentando verso 10mila lavoratori che hanno già il pin di accesso al sito il sistema di simulazione del calcolo della pensione. Si rinvia Calcolo pensione, in arrivo la busta arancione Inps
  • rivalutazione pensione: l’indicizzazione in base all’inflazione sarà infatti solo dello 0,3% mentre il dato definitivo 2014 è stato fissato all’1,1% contro l’1,2% provvisorio. Dovrà quindi essere restituito lo 0,1. La pensione minima lorda salirà dai 500,88 euro del 2014 ai 502,38 euro del 2015.
  • Pensioni d’oro: l’importo della pensione, quale che sia il metodo di calcolo, non può mai eccedere quel che risulterebbe con l’applicazione del retributivo (80% dell’ultimo stipendio). La norma scatta dal 2015, e viene applicata a tutti i trattamenti.

   

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: