Pensione anticipata con 36 anni di contributi e 50 di età: è possibile per lavoratore gravoso?

Quali sono le possibilità di pensionamento per un addetto alle mansioni gravose che ha 36 anni di contributi e 50 anni di età?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Lavoratori precoci e lavoro usurante

Salve signora Patrizia, volevo sapere se io ho diritto di pensione anticipata con 36 anni di contributi e 50 anni.

Sempre fatto il pescatore da 14 anni di eta’ .
Se non sbaglio il pescatore è nella lista dei mestieri usuranti.
Grazie cordiali saluti.
La Legge di Stabilità 2018 (comma 162, legge 205/2017) ha ampliato la platea di coloro che possono accedere alle agevolazioni previste per i lavoratori addetti alle mansioni gravose e tra le nuove categorie inserite rientrano anche i pescatori. Lei, quindi, rientra nelle categorie di lavoratori gravosi e non usuranti, ma per la pensione anticipata quota 41 precoci è la stessa cosa.
Essendo un lavoratore precoce ed avendo abbondantemente versato i 12 mesi di contributi effettivi richiesti prima del compimento dei 19 anni, rientrando nelle categorie dei lavoratori addetti a mansioni gravose, può accedere al pensionamento anticipato con la quota 41 alla maturazione del requisito contributivo richiesto.
A partire dal 1 gennaio 2019 anche per l’accesso alla quota 41 saranno richiesti 5 mesi di contributi in più e il requisito, quindi, salirà a 41 anni e 5 mesi.
Avendo, lei, 36 anni di contributi versati dovrà lavorare ancora 5 anni e 5 mesi prima di poter accedere alla quota 41 per i lavoratori precoci, sempre che nel frattempo non intervenga una normativa più vantaggiosa per i requisiti in suo possesso.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti quota 41 precoci, News pensioni, Pensioni anticipate, Quota 41