Pensione anticipata bracciante agricolo: quali sono le possibilità con 40 anni di contributi?

Un bracciante agricolo può accedere alla quota 41 se ha contributi versati prima dei 19 anni?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Un bracciante agricolo può accedere alla quota 41 se ha contributi versati prima dei 19 anni?

Buonasera,

sono un bracciante agricolo, ho 40 anni di contributi, la mia età anagrafica è di 54 anni. Attualmente sono disoccupato, il nostro lavoro è stagionale, purtroppo forse LEI sa già che le grandi aziende preferiscono assumere giovani, perché i contributi non li pagano, così licenziano facilmente. Per favore può farmi capire cosa mi aspetta in futuro? Visto che a questa età non mi assume nessuno, è sono stanco di essere umiliato. In attesa di una risposta cordiali saluti. 

 

Avendo 40 anni di contributi e 54 anni di età rientra senza ombra di dubbio nei lavoratori precoci e con solo un altro anno di contributi potrebbe accedere alla quota 41.

Dal 1 gennaio 2018, inoltre, i braccianti agricoli sono stati inclusi, insieme a siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi nel perimetro dei lavori usuranti, Operai dell’agricoltura, della zootecnia e pesca, Pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare dipendenti o soci di cooperative, Marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed acque interne, nelle cosiddette mansioni gravose.

Le mansioni gravose, se svolte in via continuativa per almeno 6 anni nei 7 anni precedenti la domanda di pensione, sono una delle condizioni per accedere alla quota 41. Questo significa che le mancherebbe soltanto 1 anno di contributi (poiché per i gravosi è previsto anche lo stop all’aumento dell’età pensionabile legato alla speranza di vita) per poter accedere alla pensione.

So che l’umiliazione di cui parla non è una cosa piacevole, ma se riuscisse a versare quest’anno di contributi mancante potrebbe accedere alla pensione riservata ai lavoratori precoci. Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un patronato per chiedere se è possibile, in alternativa, versare l’anno di contributi mancante attraverso i contributi volontari ed accedere alla pensione quota 41 come disoccupato.

Per dubbi e domande contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, News pensioni, Quota 41