Pensione anticipata Ape Sociale, sarà prorogata con i fondi del 2018?

Pensione anticipata Ape Sociale, la proroga ci sara nel 2019? E' stata già prevista nella legge di Bilancio 2018, le notizie sono contrastanti.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Cosa fare se la domanda di APE Sociale viene respinta
Pensione anticipata Ape Sociale: Buon pomeriggio, corrono voci contraddittorie sulla proroga dell’Ape Social, che io sto percependo dall’inizio dell’anno in corso: si può avere una risposta univoca e definitiva? In caso negativo, mi dovrò rivolgere al Patronato che ha seguito la mia pratica per un ricorso o, adesso, ipotizzare una Class Action collettiva? Ho sentito parlare di un Fondo ad hoc che dovrebbe scongiurarne l’abolizione, favorendone il mantenimento: corrisponde al vero? Grazie.
Negli ultimi giorni, viste le tante difficoltà per la nuova riforma pensioni, si sta paventando l’idea di prorogare l’Ape Sociale anche per il 2019. Questa notizia apre un barlume di speranza in tanti lavoratori, e soprattutto nel caregiver.
Il nuovo Governo, aveva ribadito più volte che non avrebbe prorogato l’Ape Sociale, ma visto gli ultimi sviluppi, i tecnici stanno valutando seriamente di una proroga per un altro anno. Ricordiamo che la proroga Ape Sociale già era stata prevista nella legge di bilancio 2018 con l’istituzione di un apposito fondo.

Pensione anticipata Ape Sociale: proroga al 2019

La previsione contenuta nella legge di Bilancio è rappresentata dall’istituzione del Fondo Speciale per l’APE nel quale confluiranno i risparmi maturati con l’obiettivo di prorogare la possibilità sino al 31 dicembre 2019 (per l’estensione temporale servirà però un provvedimento legislativo).

Il fondo avrà dotazione di 17,4 milioni di euro per il 2019, 12,1 milioni per il 2020, 14,4 milioni per il 2021, 6,6 milioni per il 2022, 7,9 milioni per il 2023 e 5 milioni a decorrere dal 2024.

Riassumendo, non si sa nulla di preciso sulla proroga, bisogna attendere. Comunque per chi già percepisce la pensione Ape Sociale, nulla cambia. La nuova riforma non dovrebbe alterare le misure già esistenti, come l’Ape Sociale, Ape Volontario e la RITA.

La risposta del lettore

Mille grazie, Dott.ssa Tortora, 
fa sempre piacere ricevere delle congrue risposte, cosa che purtroppo non accade con le due Aule parlamentari del Paese : infatti, ho inviato costantemente delle mail, sia ai vari Capigruppo che alle rispettive Presidenze (oltre a Conte, Di Maio, Salvini, parecchi esponenti partitici, e alle più notevoli testate giornalistiche nazionali on line), senza ottenere alcun riscontro, se si eccettua una Deputata che mi ha promesso il suo interessamento in sede di Commissione Lavoro della Camera (oltre che di discussione ed emendamenti specifici nell’àmbito dei lavori dell’Assise, coinvolgendo poi anche il Senato), e ad un solo apprezzamento da parte del Quotidiano l’AVANTI !’.
La ringrazio tantissimo e Le chiederei la cortesia di mantenermi informato sugli sviluppi della questione, che rappresenta uno scudo economico fondamentale per tutti/e coloro
che, come lo scrivente, hanno perso la loro occupazione in età avanzata e, come se non bastasse, vengono sistematicamente esclusi dal mercato del lavoro, assolutamente refrattario ad offrirci nuove opportunità di reinserimento produttivo.
Con stima e simpatia

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News pensioni, Ape Social, Prestito pensionistico - APE