Pensione anticipata 2017: quali vie saranno disponibili dal primo maggio?

I ritardi nell'approvazione dei decreti preoccupano i lavoratori: quali vie per la pensione anticipata saranno disponibili da maggio 2017?

Condividi su
Seguici su
Alessandra De Angelis

pensione-anticipata--370x230

Continua il confronto tra governo e sindacati sul fronte riforma pensioni 2017. Per quanto riguarda l’uscita anticipata il focus è duplice: APE social da un lato e tutela precoci con quota 41 dall’altro (ai quali si aggiunge la Rita). Il ritardo del varo dei decreti attuativi fa temere un ritardo: a che punto siamo?

Pensione anticipata con prestito APE: siamo nei tempi entro maggio 2017?

La parte più complessa della riforma riguarda sicuramente la pensione anticipata APE (volontaria o social a seconda dei casi e dei requisiti). Come abbiamo visto più volte la differenza sostanziale riguarda il costo dell’uscita anticipata che nel caso di APE volontaria è a carico del lavoratore (parliamo di circa il 5% dell’importo dell’assegno pensionistico). Una differenza importante che potrebbe avere effetto anche sui tempi per la riforma pensione nell’uno e nell’altro caso: l’APE volontaria infatti non prevede costi per lo Stato quindi non sembra sussistere il rischio di rinvio; la mancanza di copertura invece potrebbe comportare uno slittamento dei tempi per l’APE social.

Ape social: la riforma slitta al prossimo anno?

Quota 41: requisiti pensione anticipata 2017

Nel frattempo quindi, chi rientrava nei requisiti per la pensione anticipata 2017 tramite APE social, dovrà “accontentarsi” dell’unica alternativa per andare in pensione prima, la quota 41 precoci. La misura per i precoci, a differenza dell’APE non ha scadenza: significa che proseguirà, seppur nel limite di un vincolo annuo di risorse, anche dopo il 31 dicembre 2018.

Quota 41: quali domande hanno priorità?

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su

Commenta la notizia


Il nostro Magazine: Fisco

View my Flipboard Magazine.




GUIDA: Quota 41



SULLO STESSO TEMA