Pensione a 67 anni: insostenibile socialmente per i sindacati

I sindacati sul piede di guerra contro la pensione a 67 anni: è socialmente insostenibile.

di , pubblicato il
I sindacati sul piede di guerra contro la pensione a 67 anni: è socialmente insostenibile.

Dopo che anche la Ragioneria dello Stato ha confermato l’inevitabile aumento dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, annunciato per il 1 gennaio 2019 che porterà la pensione di vecchiaia a 67 anni, i sindacati sono sul piede di guerra.

Roberto Ghiselli, segretario confederale della Cgil, ha commentato la posizione presa dalla Ragione dello Stato affermando che un ulteriore innalzamento dell’età pensionabile è socialmente insostenibile.

La Cgil è rimasta sconcertata anche da quanto affermato dal presidente dell’Inps: proprio nelle ultime ore, infatti, Boeri si è espresso contro un’ipotesi di revisione del meccanismo. Ghiselli, a tal proposito, commenta che “Dopo i drastici incrementi previsti dalle ultime manovre l’Italia si trova già ora ad avere l’età di pensionamento più alta in Europa. L’intervento della Ragioneria dello Stato è del tutto inopportuno perché ad essa spetta il compito di vigilare sull’affidabilità dei Conti dello Stato, non di intervenire sulle scelte politiche che la determinano” ricordando, tra l’altro che “con i tagli alle pensioni si è voluto fare cassa per garantire l’equilibro dei conti pubblici seguendo la strada più semplice anche se la più iniqua. È invece necessaria una vera riforma delle pensioni che renda il sistema non solo economicamente ma anche socialmente equo e sostenibile. Circa la tenuta dei conti pubblici, sarebbe auspicabile che si iniziasse a guardare anche in altre direzioni e non solo verso i redditi e i diritti dei lavoratori e dei pensionati, prendendo atto che in questi anni le disuguaglianze nel nostro Paese sono ulteriormente cresciute”

Non solo la Cgil, ma anche Cisl e Uil si oppongono all’innalzamento dell’età pensionabile. Le tre parti sociali hanno una posizione unitaria ed è fondamentale interrompere, con un atto normativo, un automatismo previsto dal dl numero 78 del 2010 che porta all’aumento dell’età pensionabile in base alla speranza di vita Istat.

Argomenti: ,