Pensione 2017: Inps risponde alle FAQ su APE, precoci e opzione donna

Riforma pensioni: i chiarimenti INPS su Ape, volontario e social, ma anche su opzione donna e precoci. Quali nvoità?

Alessandra De Angelis

inps sede centrale

L’Inps ha pubblicato otto schede con cui risponde alle FAQ sulle novità per la pensione 2017 contenute nella Legge di Bilancio. Argomenti focus sono APE, volontario e social, ma anche pensione precoci e opzione donna.

Ape volontario e opzione donna a confronto: quale conviene?

APE volontario: chiarimenti Inps

In merito all’APE nella sua forma volontaria, l’istituto ha in primo luogo riassunto i requisiti per fare domanda del prestito pensionistico e le modalità di erogazione dello stesso e di rimborso da parte del lavoratore. In particolare si chiarisce che la rata di restituzione del prestito sarà applicata anche alla tredicesima mensilità (quindi a conti fatti su 20 anni le rate saranno in totale 260).

APE social: novità sui requisiti

La novità sull’APE versione social riguarda la circostanza che il lavoratore debba soddisfare, oltre ai requisiti base, una condizione anagrafica particolare aggiuntiva, ovvero non debba trovarsi a più di tre anni e sette mesi dal pensionamento di vecchiaia. Questo parametro non era stato inserito nella Legge di Bilancio: se confermato rischia di escludere parte dei lavoratori nati nel 1955, sulla scia di quanto sta accadendo con l’APE volontario.

Riforma pensioni, non solo APE: chiarimenti su opzione donna, precoci e altre misure

I documenti Inps vengono esaminate anche le novità su altri temi previdenziali di rilievo tra cui opzione donna, precoci e cumulo contributi. Nello specifico le otto schede riguardano:

  • Abolizione penalizzazioni pensioni;
  • Ape social;
  • Ape volontaria;
  • Lavoratori precoci;
  • Lavori usuranti;
  • Cumulo dei periodi assicurativi;
  • Quattordicesima;
  • Opzione donna.

Commenta la notizia




SULLO STESSO TEMA
DAL RESTO DEL SITO

Send this to friend