Passaggio dai Minimi al Forfettario: tempo scaduto? Chiarimenti delle Entrate

Dal regime dei minimi al forfettario: entro quando si può fare domanda di passaggio? Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
lavoro part time

Si può passare dal regime dei minimi al forfettario anche se sono trascorsi i 5 anni previsti dalla norma? A fare chiarezza su questa situazione è proprio l’Agenzia delle Entrate, in risposta ai dubbi di un contribuente (riferimento risposta ad interpello n. 72 del 20 novembre 2018).

Passaggio dai minimi al forfettario: tempo scaduto?

Il contribuente che si è rivolto all’Agenzia delle Entrate per avere informazioni sul passaggio dai minimi al forfettario aveva avviato un’attività di consulenza amministrativa nel 2014 avvalendosi del “regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità”.

Per chi utilizzava il regime di vantaggio prima del 31 dicembre 2014 non è previsto un vincolo di permanenza quindi è possibile applicare le regole del forfettario per il 2018 ed è quindi possibile usufruire dell’aliquota del 5% per i periodi che restano fino al quinquennio.

In vista delle importanti novità che riguarderanno il nuovo regime forfettario nel 2019 (con l’introduzione della flat tax al 15% e l’estensione della soglia di reddito a 65 mila euro) sono molti i contribuenti che si interrogano in modo tardivo sul passaggio dai minimi al forfettario. In particolar modo in questa fase di transizione quindi i chiarimenti guida dell’Agenzia delle Entrate possono rappresentare un aiuto prezioso per i contribuenti che vogliono lavorare a partita IVA.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Partita Iva e ditte individuali, Forfettario