Pagamento Tari: presupposti di pagamento,scadenza prima e seconda rata

Ecco quali sono i presupposti per il pagamento dell'imposta e quali sono le date di scadenza per il pagamento delle rate della Tari 2017.

di , pubblicato il
Ecco quali sono i presupposti per il pagamento dell'imposta e quali sono le date di scadenza per il pagamento delle rate della Tari 2017.

La Tari 2017,  tassa sui rifiuti, è l’imposta che tutti i cittadini sono tenuti a pagare per lo smaltimenti dei rifiuti. La Tari, introdotta dalla Legge di Stabilità 2014, è andata ac accorpare la TIA con la Tarsu e la Tares.

Il pagamento della Tari è dovuto per il possesso e la detenzione a qualsiasi titolo di locali o aree scoperte suscettibili a produrre rifiuti urbani.

Dalla Tari, secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità 2014, “Sono escluse le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva”.

Sempre nella stessa Legge di Stabilità si chiarisce quali sono i soggetti dovuti al pagamento: “La TARI e’ dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. In caso di pluralita’ di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all’adempimento dell’unica obbligazione tributaria”.

Per il calcolo della Tari, secondo la normativa,  si afferma che “Per l’applicazione della TARI si considerano le superfici dichiarate o accertate ai fini dei precedenti prelievi sui rifiuti. Relativamente all’attività’ di accertamento, il comune, per le unita’ immobiliari iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, può’ considerare come superficie assoggettabile alla TARI quella pari all’ 80 per cento della superficie catastale determinata secondo i criteri stabiliti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 138”.

Tari: scadenza pagamento, varia in base ai Comuni

Nella maggior parte dei comuni italiani è previsto il pagamento della Tari in 3 rate:

  • la prima entro la fine di aprile
  • la seconda entro la fine di luglio
  • la terza entro la fine dell’anno.

Ma, come abbiamo anticipato, il pagamento della Tari varia in base al Comune di residenza. In alcuni Comuni, infatti, si prevede il pagamento dell’imposta in 2 rate, la prima con scadenza a maggio e la seconda con scadenza a novembre. Per sapere le date precise della scadenza della Tari nel vostro Comune di residenza, è bene consultare il sito istituzionale del vostro Comune.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,