Pagamento Tari: la spesa scende, classifica delle città più care per la tassa rifiuti

Anche se nella media italiana la tassa rifiuti subisce una discesa, l'importo da pagare varia, e di molto, da città a città. Vediamo dove si paga meno e dove, invece, è più costosa.

di , pubblicato il
Anche se nella media italiana la tassa rifiuti subisce una discesa, l'importo da pagare varia, e di molto, da città a città. Vediamo dove si paga meno e dove, invece, è più costosa.

Anche se in molte città la prima rata della Tari è stata già versata a maggio, in molte altre il primo appuntamento è fissato per il 31 luglio. La tassa dei rifiuti è una di quelle che pesano maggiormente sull’economia delle famiglie italiane anche se in alcune città risulta essere più onerosa che in altre.

I calcoli dell’impatto della Tari nelle diverse città italiane li ha effettati il Servizio Politiche Territoriali della Uil che ha preso in esame i costi della tassa rifiuti in 100 diverse città italiane. Il calcolo è stato effettuato su una famiglia tipo (4 compomenti) che vive in una casa media (80mq) con un reddito medio (Isee 17mila euro).

La spesa media a livello nazionale scende rispetto al 2016: da una media di 300 euro a famiglia si passa a una media di 295 euro anche se negli ultimi 4 anni la tassa ha avuto un incremento del 1,1%.

Le grandi città, ad eccezione di Firenze, Palermo e Bologna, sono tutte sopra la media: a Roma, negli ultimi 4 anni, si è registrato un calo del 4,7%, a Milano un aumento dello 0,5%. L’aumento più consistente si è registrato a Torino, del 34,1% con la tassa che mediamente è passata da 245  a 328 euro per famiglia. Il Calo più consistente, invece, si  è registrato a Palermo, il 10,9% in meno con la tassa che è scesa di quasi 35 euro per ogni famiglia.

Nelle grandi città la palma per la più economica spetta a Bologna dove la Tari si paga mediamente 228 euro per famiglia mentre la più onerosa risulta essere Reggio Calabria dove la media della tassa rifiuti è di 460 euro.

Il segretario confederale Guglielmo Loy spiega, però, che “In valori assoluti nel 2017 il costo maggiore si registra ad Agrigento con 474 euro l’anno; a Pisa se ne pagano 473 euro; a Benevento 470 euro; a Siracusa 466 euro; a Salerno 462 euro. Il podio per le città più economiche spetta a Belluno (149,79 euro), Novara (165,48), Macerata (175,38). In questi tre anni gli aumenti più consistenti si sono registrati complessivamente a Matera (+49,4%), Cremona (+43,4%), Brindisi (+40,4%), Torino (+34,1%), Ascoli Piceno (+28,8%). Le diminuzioni più forti invece ad Avellino (-15,9%), Pavia (-13,4%), Belluno (-12,6%); Macerata (-12,3%); Palermo (-10,9%).

Nel corso dell’ultimo anno infine, la Tari è aumentata in 37 città tra cui Torino, Genova, Venezia, Firenze e Bari; e rimasta stabile in 25 città, tra cui Napoli, Bologna, Cagliari e Reggio Calabria; ed è diminuita in 38 città, tra cui Milano, Roma e Palermo.”

Leggi anche: Tassa rifiuti esosa e multe autovelox, ecco come i Comuni fan cassa, è possibile fare ricorso? e Tassa rifiuti: si può avere uno sconto fino all’80%

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.