Pagamento pensioni: il primo del mese già da giugno 2015?

Novità importante sul pagamento delle pensioni: forse già da giugno 2015 saranno accreditate il primo del mese. Aggiornamenti sulla riforma

di , pubblicato il
Novità importante sul pagamento delle pensioni: forse già da giugno 2015 saranno accreditate il primo del mese. Aggiornamenti sulla riforma

Pagamento pensioni al primo del mese: il primo accredito potrebbe arrivare già il 1 giugno. La conferma ufficiale è arrivata dal Presidente dell’INPS, Tito Boeri. La novità riguarda tutte le prestazione Inps: dalle pensioni alle indennità di accompagnamento. Ad oggi l’accredito avviene su date diverse in base al tipo di prestazione e al fondo di gestione. Le Poste Italiane hanno già accettato mentre si attende la risposta delle banche.

I tempi però non dovrebbero essere lunghi tanto che verosimilmente la pensione sarà pagata il primo del mese già a giugno. Per compensare la riduzione degli interessi che lo Stato ottiene oggi sui ratei che ora paga il 10 o il 16 del mese, l’INPS ha chiesto alle banche di abbassare i costi dei bonifici. Boeri ha spiegato che l’Inps è chiamato a fare per la sicurezza sociale “quello che finora ha fatto la Banca d’ Italia sul versante delle politiche economiche: avanzare proposte per risolvere i problemi”.  

Pagamento pensioni il primo del mese: i tempi della riforma

La proposta organica di unificare i pagamenti al primo del mese è stata quindi avanzata: la palla ora passa al governo decidere e al Parlamento. Intanto i sindacati si sono già espressi a favore di questa novità. Pochi giorni di anticipo nell’accredito della pensione possono sembrare un dettaglio ma per i pensionati possono fare la differenza nella gestione delle spese mensili. I segretari generali di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil Carla Cantone, Gigi Bonfanti e Romano Bellissima hanno commentato con atteggiamento positivo la proposta. Questi ultimi si erano scagliati contro la norma che posticipava il pagamento degli assegni previdenziali al 10 del mese, perché metteva in ulteriori difficoltà pensionati ed anziani. Se davvero da giugno si pagheranno tutte le pensioni al primo del mese vuol dire che finalmente è stata fatta una cosa di buon senso”. Il Pd in una nota ha chiesto a Boeri chiarezza: “venga in Parlamento a spiegare quali sono le sue intenzioni”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: